PRODUZIONI VEGETALI 

8 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE Interventi tecnico-agronomici G LOSSARY Lavorazione del terreno: Tillage Azoto: Nitrogen Fosforo: Phosphorus Potassio: Potassium I.7 Caratteristiche del terreno in funzione del grado di lavorazione. Lavorazioni Si realizzano per regolare i rapporti suolo-acqua-pianta. Possono essere eseguite per opere di sistemazione superficiale del terreno, per facilitare la penetrazione delle acque nella massa del suolo, per creare un ambiente più idoneo alla germinazione dei semi e alla crescita delle piante, per ridurre la compattezza della crosta superficiale limitando la risalita e l evaporazione dell umidità del suolo. Le tecniche di preparazione del terreno, sia quelle tradizionali basate sull impiego dell aratro, sia le più semplici discissure (cioè tagli verticali senza rivolgimenti delle zolle), sia le superficiali erpicature o le non lavorazioni , producono diversi effetti sui caratteri fisici, chimici e biologici dei vari suoli. Tra i tanti effetti vanno considerati con attenzione quelli sulla flora infestante, cioè sulle malerbe, la cui composizione dipende anche dall epoca in cui certe lavorazioni vengono eseguite, dalle modalità esecutive e dal numero di interventi effettuati nel corso dell anno. Le infestanti a propagazione vegetativa, indicate come geofite (quali Cirsium, Cynodon, qualche sorgo) e le emicriptofite, cespitose con gemme superficiali (come genziane, primule, margherite), biennali o pluriennali, sono favorite da lavorazioni limitate, mentre le essenze annuali a riproduzione sessuale (come le terofite, piante erbacee annuali che superano la stagione avversa sotto forma di seme, come avena, amaranti, chenopodi) sono più sensibili soprattutto a quei lavori effettuati nel momento precedente la diffusione dei semi. Vengono distinte lavorazioni straordinarie, quali livellamenti di superfici, dissodamenti, dicioccamenti, scassi e lavorazioni ordinarie, quali le lavorazioni di rinnovo (all inizio di una rotazione), di preparazione del suolo, di coltivazione o coltura (erpicature, sarchiature, rincalzature, ecc.). In determinate condizioni, si vanno sempre più diffondendo le lavorazioni ridotte, spesso indicate come minimum tillage, utili sia tecnicamente sia economicamente. Nella tabella I.7 vengono sintetizzate talune differenze fra le lavorazioni tradizionali e quelle ridotte. CARATTERISTICHE LAVORI TRADIZIONALI LAVORI RIDOTTI Porosità totale Maggiore Minore Volume apparente Maggiore Minore Capacità d aria Minore Maggiore Formazione crosta Più facile Più difficile Deterioramento struttura Più facile Più difficile Approfondimento radicale Minore se si forma la suola di lavorazione Maggiore Drenaggio complessivo dell acqua Minore se si forma la suola di lavorazione Maggiore Concimazioni e trattamenti agrofarmaci Le colture hanno bisogno di elementi nutritivi, soprattutto azoto, fosforo e potassio, in quantità sufficienti da fornire rese elevate e applicate in maniera assimilabile, cioè facilmente utilizzabili dalle radici. Le integrazioni necessarie vengono fornite mediante concimi. Essi possono CONCIMI MINERALI essere organici, a base cioè di sostanza organica che migliora sia le Azotati: nitrici, ammoniacali, ureici (nitrato di condizioni nutritive sia lo stato fisico del suolo (letame, terricciati, decalcio, solfato ammonico, nitrato ammonico, iezioni), oppure minerali, contenenti azoto (concimi azotati), fosforo urea, calciocianammide) (concimi fosfatici), potassio (concimi potassici) oppure una miscela di più elementi (concimi binari o concimi terziari) (I.8). Fosfatici: perfosfati, iperfosfati, superfosfati e scorie Thomas A volte si usano concimi composti e organo-minerali, ottenuti per reazione oppure miscela di uno o più concimi organici con uno o più Potassici: solfato di potassio, cloruro di poconcimi minerali. Il titolo di un concime è la quantità percentuale di tassio elementi fertilizzanti contenuta nel concime stesso. Oltre alle conConcimi composti: azoto-fosfatici (fosfato cimazioni, le colture necessitano di trattamenti fitosanitari utili per biammonico, ecc.); azoto-potassici (nitrato di la difesa da infestanti e parassiti di vario genere. Va detto che una potassio); fosfo-potassici (fosfato potassico); buona gestione agronomica del terreno e delle colture, facilitata da azoto-fosfatico-potassici (PKN, ecc.) una efficace rete di monitoraggio delle problematiche fitosanitarie, I.8 Sintesi delle tipologie di concimi minerali. 0050.Introduzione_a.indd 8 3/15/19 3:38 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee