PRODUZIONI VEGETALI 

PRODUZIONI VEGETALI: CONOSCENZE E TECNICHE 31 Introduzione VERO O FALSO 1. I suoli che non hanno subito una trasformazione della loro struttura originaria si dicono alloctoni. 2. Le carte che rappresentano i Sistemi Pedologici delle Regioni italiane sono in scala 1 : 500.000. 3. I terreni a pH acido sono tipici dei climi aridi e siccitosi. 4. Le proprietà vertiche di un terreno gli conferiscono buona stabilità e basso potere plastico. 5. Le lavorazioni ridotte dei terreni sono definite anche minimum tillage. 6. Il valore della riserva idrica utile di un terreno si calcola in m2/ha. 7. Il raggiungimento del punto di avvizzimento produce danni irreversibili alle piante. 8. Il clima è costituito dalla media delle condizioni meteorologiche di una località, effettuata nel breve periodo. 9. Il fosforo è caratterizzato da elevata mobilità nel terreno in quanto è trattenuto dal potere assorbente, ed è indispensabile per lo sviluppo dell apparato fiorale delle piante. 10. L analisi del solo microclima è troppo limitata per influenzare il successo di una coltivazione agraria. 11. La moltiplicazione di una pianta può avvenire anche tramite gli apici vegetativi. V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F 12. La chimosina viene utilizzata nelle tecniche casearie. 13. Le piante erbacee di maggior interesse agronomico appartengono alla divisione delle Angiosperme. 14. La struttura del fusto delle piante erbacee si distingue, rispetto alle arboree, per la struttura secondaria, che permane per l intera durata del ciclo vitale della pianta. 15. Nella sezione trasversale del fusto erbaceo di piante monocotiledoni i fasci vascolari sono disposti in ordine sparso. 16. Il culmo delle piante erbacee è cavo al suo interno (per la mancanza di midollo) ed è poco resistente a causa dell assenza di fibre e cellule mineralizzate. 17. Nella propagazione per talea si genera una nuova pianta con caratteristiche genetiche diverse dalla pianta originaria. 18. La micropropagazione in vitro permette di riprodurre cloni esenti da infezioni microbiche. 19. Con la propagazione per seme si originano piante con caratteristiche identiche a quelle della pianta originaria. 20. Nelle piante più evolute, l apparato riproduttivo è il fiore in cui sono presenti gli organi sessuali: l androceo (femminile) e/o il gineceo (maschile). V F V F V F V F V F V F V F V F V F COMPLETA LE PAROLE MANCANTI 1. Il suolo riveste (dal punto di vista ambientale) molte funzioni vitali, quali: lo stoccaggio e la trasformazione sia di elementi .................................. ed organici di ..................................; la produzione di ..................................; la filtrazione per la protezione delle .................................. e lo scambio di .................................. con l atmosfera. 2. Le 34 Regioni Pedologiche italiane sono state definite sulla base: delle caratteristiche .................................., climatiche, ..................................; sulla base dei ..................................; del regime termico e .................................. (pedoclima); della capacità ..................................; delle limitazioni .................................. e dei principali processi ................................... 3. Le colture necessitano di elementi nutritivi, soprattutto .................................., fosforo e .................................., in quantità sufficienti a fornire .................................. e facilmente utilizzabili dalle ................................... Tali integrazioni vengono fornite mediante ................................... 4. Il contenuto di acqua nel suolo a disposizione delle colture è detto .................................. ed esprime la quantità di acqua compresa fra la .................................. (cioè la quantità di acqua che rimane nel .................................. dopo la percolazione dell .................................. in eccesso), e il ............................................ (che produce danni .................................. alle colture). 5. Il clima può essere classificato in funzione della distribuzione geografica, cioè dalle .................................. in cui i .................................. fondamentali hanno valori relativamente ..................................; in particolare, la classificazione di K ppen si basa sui valori assunti dalla .................................. e dalla piovosità in relazione alla ................................... 6. L ingegneria genetica ha reso possibile il superamento di barriere di .................................., consentendo .................................. e quindi genesi di nuovi .................................. partendo da .................................. molto diverse e sistematicamente ................................... 7. Le tecniche di cisgenesi e genome editing permettono di indurre cambiamenti nel .................................., aggiungendo, rimuovendo o sostituendo brevi tratti di .................................. (una o poche basi) in specifici ................................... Si tratta di tecniche poco .................................. e senza effetti ................................... 8. La PAC 2015-2020 si propone tre obiettivi strategici: 1) produzione .................................. sostenibile; 2) gestione sostenibile delle ..................................; 3) sviluppo .................................. equilibrato. 9. Le piante di piccola taglia (non oltre i ..................................) e che nella parte aerea presentano un .................................., non .................................. e di consistenza .................................., in grado di svolgere la fotosintesi .................................., sono genericamente chiamate ................................... 10. Il trasporto del polline dall antera allo stigma è detto .................................. e può essere .................................. (autoimpollinazione) se si verifica con il trasporto del .................................. dall antera allo .................................. dello stesso fiore (o di un altro fiore della stessa pianta), o .................................. (impollinazione incrociata) se il trasporto avviene tra fiori di ................................... 0055.Introduzione_b.indd 31 3/15/19 3:37 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee