PRODUZIONI VEGETALI 

252 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE Si impiega generalmente la pianta intera, ma si utilizzano anche i semi nell industria mangimistica e nella produzione di numerosi prodotti alimentari derivati, come oli, pane, pasta e biscotti. Alcune varietà o sottospecie presentano principi attivi molto tossici che hanno creato ostacoli alla diffusione di questa specie, a causa della cattiva fama di illecita fonte di droga. Oggi queste sottospecie sono coltivate a scopo terapeutico nel trattamento del glaucoma e prescritte, sotto controllo medico, anche come analgesici nelle terapie del trattamento del dolore. Luppolo (Humulus lupulus) 4.89 Coltivazione di canapa. 4.90 Pianta di luppolo. 4.91 Pianta di maggiorana. 0095.Capitolo_4b.indd 252 Pianta perenne e rampicante della famiglia delle Cannabacee, che cresce spontanea in molte zone italiane ed europee. Ha una grossa radice rizomatosa, fusti rampicanti e angolosi che possono raggiungere i 6 m di lunghezza, foglie opposte con margine dentato, simili a quelle della vite. I fiori, che compaiono a settembre, sono a sessi separati: quelli maschili riuniti in pannocchie, di colore verde-giallognolo, mentre quelli femminili formano coni di colore verdognolo, ricoperti da una polvere giallognola che è la luppolina. Queste ultime infiorescenze, che vengono raccolte in settembre, si impiegano per aromatizzare la birra alla quale conferiscono il classico sapore amarognolo. La coltivazione, tipica soprattutto nei Paesi del Nord Europa, è effettuata a filari con tutori costituiti da pali e fili ed è assimilabile alla coltivazione della vite. La pianta possiede proprietà analgesiche, antisettiche, antispasmodiche, digestive e diuretiche. Nella medicina popolare l infuso è impiegato ad uso interno per stimolare l appetito o come leggero sedativo e per conciliare il sonno, oppure ad uso esterno in caso di dolori nevralgici, reumatismi e artriti. In cucina i giovani germogli sono consumati sia cotti che crudi. Maggiorana (Origanum majorana) una specie del genere Origanum (famiglia delle Labiatee), nativa dell Europa e delle regioni centrali e meridionali dell Asia. Nei climi più caldi cresce fino a circa 1.000 m s.l.m. un erba perenne, con fusti eretti o ascendenti, alti fino a 60 cm, foglie opposte, ovato-ellittiche, a margine intero, di colore verde chiaro e ricoperte da una peluria biancastra. Fiori, violacei o rosei, molto odorosi, riuniti in dense spighette che formano delle pannocchie terminali con fioritura nei mesi più caldi. Ama le posizioni soleggiate e riparate dal vento, i terreni secchi e ben drenati, e può essere coltivata in vaso. Dopo la raccolta, le foglie vengono utilizzate fresche oppure subiscono varie tipologie di conservazione tra cui l essiccazione, il congelamento o la macerazione in olio e aceto. Questa pianta ha proprietà terapeutiche sedative, antispasmodiche, tonico-stimolanti e sudorifere. Per uso esterno viene impiegata per frizioni antireumatiche. La maggiorana è usata anche nella preparazione di tisane, in virtù delle sue proprietà sedative e antisettiche ed entra anche nella composizione di vermouth e liquori a base di erbe. 3/15/19 3:46 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee