PRODUZIONI VEGETALI 

250 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE Droghe vegetali G LOSSARY Tempo balsamico: Balsamic time Olio essenziale: Essential oil, ethereal oil 4.86 Pianta di achillea. Le droghe vegetali sono suddivise in: organizzate, quando provengono direttamente da tessuti e organi della pianta. Comprendono: radici, fusti ipogei (rizomi, tuberi, bulbi) ed epigei (corteccia, legnami, fusti in toto), erbe, rametti fogliari, foglie, fiori, frutti, semi, gemme, peli, polveri (spore, granelli pollinici), talli (macro e microscopici), formazioni patologiche (galle tannigene); non organizzate, quando sono costituite dai prodotti dell attività dei tessuti. Comprendono: succhi acquosi, linfe, latici, grassi liquidi, grassi solidi, cere, oli essenziali, estratti, mucillagini (agar), gomme, pectine, resine (gommoresine, oleoresine), essudati, peci. Queste sostanze hanno la caratteristica di non avere prevalente struttura cellulare e possono essere fornite tal quale o lavorate prima di essere immesse in commercio. Nella pianta, il contenuto in principi attivi non è costante, ma può subire sensibili variazioni in relazione a fattori endogeni (legati alla pianta), esogeni, ecologici (influenzati dall ambiente in cui la pianta cresce) e biotici, correlati alle interazioni tra organismi animali e vegetali. Fra i fattori endogeni, assume particolare importanza l epoca di raccolta della pianta, detta tempo balsamico , che corrisponde al momento ottimale della raccolta per il massimo contenuto di principi attivi. Il tempo balsamico dipende da diversi fattori, quali il tipo di pianta (annuale o perenne, erbacea o arborea), le parti di pianta da utilizzare, l età della pianta, le condizioni pedoclimatiche. In linea di massima, i principi attivi si formano in quantità maggiori nel periodo di accrescimento della pianta. Nell ambito dei fattori esogeni sono da tener presenti il tipo di terreno, l altitudine, la latitudine e la temperatura. Rilevante sul contenuto dei principi attivi è l influenza delle tecniche colturali le quali, se attuate con criteri di razionalità, permettono un sensibile miglioramento quantitativo e qualitativo della produzione. Tra esse ricordiamo: la densità della coltura, la durata, la concimazione, l irrigazione, l epoca e la modalità della raccolta e i trattamenti post-raccolta. Anche la tecnica dell incrocio, utilizzata nel miglioramento delle specie di interesse agrario, potrebbe avere larga applicazione nel settore delle specie officinali, con la costituzione di varietà ad alto contenuto di principi attivi. Sulle caratteristiche delle droghe, una sensibile influenza è determinata dalla modalità di essiccamento e conservazione. Le più frequenti alterazioni sono l ossidazione, l evaporazione, la polimerizzazione, la racemizzazione, l imbrunimento, l irrancidimento. I prodotti più facilmente ossidabili ed evaporabili sono gli oli essenziali. Esempi di colture officinali Achillea (Achillea millefolium) Pianta erbacea diffusa nei prati e nei luoghi erbosi umidi fino a 2.500 m s.l.m. in Europa, Asia e America. una composita perenne, con rizoma ramificato e strisciante; fusto eretto, semplice o ramificato in alto; foglie lanceolate, strette, bipennatosette; infiorescenza a corimbo, composto da capolini piccoli, con petali bianchi o rosa-purpureo e fioritura da maggio a settembre. Essendo di facilissima coltivazione, si adatta a tutti i terreni (anche asciutti) purché soleggiati. Si riproduce per divisione dei cespi oppure mediante semina primaverile in serra e successivo trapianto. Contiene un olio essenziale costituito da composti terpenici monociclici (cineolo 10%) e biciclici (borneolo, tujone) e azulene. presente anche una sostanza amara, l achilleina. I fiori essiccati hanno proprietà antispasmodiche, astringenti, cicatrizzanti e antinfiammatorie. Attualmente è impiegata soprattutto in liquoreria nella formulazione di amari e vermouth. Nella medicina popolare, il suo infuso è usato per curare la febbre, il raffreddore e i disturbi digestivi. Il decotto di fiori è impiegato per bagni tonificanti, mentre quello della pianta per stimolare la crescita dei capelli. 0095.Capitolo_4b.indd 250 3/15/19 3:46 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee