PRODUZIONI VEGETALI 

240 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE 2. Categoria I. Il 10% in numero o in peso di zucchine non rispondenti alle caratteristiche della categoria, ma conformi a quelle della categoria II o eccezionalmente ammesse nelle tolleranze di questa categoria. b a 3. Categoria II. Il 10% in numero o in peso di zucchine non rispondenti né alle caratteristiche della categoria né alle caratteristiche minime, esclusi tuttavia i prodotti visibilmente affetti da marciume o qualsiasi altra alterazione che li renda inadatti al consumo. 4.73 (a) Coltivazione di zucchino in pieno campo dopo che è stata effettuata la rincalzatura. (b) Coltivazione di zucchino in tunnel. Raccolta L epoca di raccolta viene stabilita in rapporto al colore (striature verde chiaro e verde scuro) e in base allo sviluppo del frutto che, in alcuni casi, viene richiesto con il fiore ancora aperto. Una raccolta ritardata determina la riduzione della brillantezza del colore, la comparsa di spugnosità nella polpa e un eccessivo sviluppo di semi. Zucca a b Le zucche coltivate per consumo diretto appartengono alle specie Cucurbita maxima e Cucurbita moschata. Le cultivar più diffuse di tale ultima specie sono: Trombetta d Albenga, zucca piena di Napoli, zucca moscata di Provenza; hanno forma allungata, con bucce verdognole e polpa variabile dal bianco al giallo arancio. Alla specie C. maxima (zucca a frutto grosso) appartengono le seguenti cultivar: Americana tonda (o Tonda padana), Beretta piacentina, Delica, Early Butternut, Gran gigante (o Quintale seme giallo), Iron Cap, Marina di Chioggia. La zucca preferisce terreni fertili, drenati, con pH compreso tra 5,5 e 7. Soprattutto durante lo sviluppo del frutto richiede buona e costante disponibilità idrica. La coltura esige un clima temperato-caldo tra i 18 e 30 °C. importante che il terreno destinato alla zucca sia ben lavorato, eseguendo ripuntature profonde e un aratura intorno ai 3540 cm. Esige buone dosi di azoto, fosforo, potassio e magnesio. Utilizza bene gli apporti di stallatico. 4.74 (a) Tipico frutto di Cucurbita maxima. (b) Fiore femminile di Cucurbita moschata cv. Genovese. 0095.Capitolo_4b.indd 240 Per il trapianto si utilizzano piante prodotte in vivai specializzati. La densità d impianto varia a seconda della tipologia e della precocità delle cultivar adottate. In genere il trapianto viene eseguito verso maggio (distanza tra le file 200-300 cm, distanza sulla fila 100-200 cm, densità di investimento da 1500 a 5000 piante/ha). La coltivazione viene eseguita solitamente su pacciamatura e, in caso di semiforzatura, impiegando piccoli tunnel per un periodo limitato. Per migliorare la qualità e l uniformità della pezzatura è consigliabile ricorrere alla pratica della cimatura. In zone ben esposte, con terre fresche, si possono produrre fino a 50 t/ha. 3/15/19 3:45 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee