PRODUZIONI VEGETALI 

232 4.59 Valori soglia e valori ottimali della temperatura per la coltivazione di melone. PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE PARAMETRI CLIMATICI Temperatura minima di germinazione Temperatura minima critica Temperatura ottimale di germinazione MELONE (°C) 14-16 0-2 25-28 Temperatura ottimale di sviluppo 20-25 (di giorno) 18 (di notte) Temperatura massima critica 35 CARATTERISTICHE NUTRITIVE DEL MELONE COMPOSIZIONE Parte edibile (%) QUANTIT 52 Acqua (g) 95,3 Proteine (g) 0,4 Lipidi (g) Tracce Carboidrati disponibili (g) 3,7 Zuccheri solubili (g) 3,7 Fibra totale (g) 0,2 Fibra insolubile (g) 0,2 Fibra solubile (g) 0,02 Energia (Kcal) 16 Energia (kJ) 65 Sodio (mg) 3 Potassio (mg) 280 Ferro (mg) 0,2 Calcio (mg) 7 Fosforo (mg) 2 Tiamina (mg) 0,02 Riboflavina (mg) 0,02 Niacina (mg) 0,10 Vitamina A retinolo eq. ( g) 37 Vitamina C (mg) 8 Melone: caratteri morfologici ed esigenze ambientali Il melone ha caratteristiche generali ed esigenze pedoclimatiche pressoché simili alla specie precedente. Preferisce terreni profondi, ben drenati, pH 6,0-7,0 e calcare attivo inferiore al 10%. Particolare attenzione merita l umidità relativa, poiché valori anormali potrebbero causare problemi durante le fasi di fioritura, impollinazione e allegagione. Durante queste tre fasi in successione, l umidità relativa dovrebbe mantenersi sul 60-65%, con temperature di 20-25 °C di giorno e 16-18 °C di notte. Temperature oltre i 35 °C provocano cascola fiorale, scarsa allegagione e deformazione dei frutti (4.59). Le più importanti varietà botaniche sono: Cucumis melo var. cantalupensis (tipo Charentais); Cucumis melo var. reticulatus (tipo retato) (4.62); Cucumis melo var. inodorus (adatta per la conservazione invernale)(4.63). Melone: scelta varietale La scelta della varietà deve essere effettuata in funzione dei seguenti parametri: 1. qualità merceologica richiesta dal mercato (pezzatura, colore della polpa, profumo, contenuto zuccherino); 2. adattabilità alle condizioni pedoclimatiche; 3. resistenza ai patogeni (Fusarium, oidio, afidi). In commercio sono disponibili ibridi resistenti o tolleranti a fusariosi, odio e macchie necrotiche. L impiego di specifici portainnesti conferisce a ogni varietà di melone resistenze e adattabilità di coltivazione nei confronti di: Fusarium oxysporum f. sp. niveum Razze: 0, 1, 2; Fusarium oxysporum f. sp. cucumerinum Razze: 1, 2; Fusarium oxysporum f. sp. melonis Razze: 0, 1, 1.2, 2; 4.60 Composizione chimica, valore energetico e nutrizionale medio per 100 g di parte edibile di melone. 4.63 Melone giallo, adatto alla conservazione invernale. 1 mm 4.61 Semi di melone. 0095.Capitolo_4b.indd 232 G LOSSARY 4.62 Melone retato. Melone giallo: Yellow melon 3/15/19 3:45 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee