PRODUZIONI VEGETALI 

228 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE TIPOLOGIA DI COLTURA DISTANZA TRA LE FILE DISTANZA SULLA FILA PIANTE/ha ELEMENTO Terreno di fertilità medio-scarsa e cultivar a frutto medio 1,5-2,0 2-2,5 2.000-3.000 Terreno di buona fertilità e cultivar vigorose Azoto (N) Fosforo (P2O5) Potassio (K2O) Calcio (CaO) Magnesio (MgO) 2 3 1.666 (m) (m) kg/t PEPONIDI 1,7 0,5 2,7 0,7 0,7 4.54 Fabbisogni indicativi in elementi nutritivi del cocomero (kg di elemento nutritivo 3 t di peponidi). 4.53 Sesti di impianto e densità di investimento per cocomero (regione Emilia-Romagna). Nelle colture semiforzate, è consigliabile il trapianto dall ultima decade di marzo alla prima o seconda decade di aprile, con piantine di almeno 35 giorni di età. 4.55 Fiore maschile e femminile di cocomero; quello femminile è riconoscibile per la presenza dell ovario in fase di ingrossamento. Il trapianto è la tecnica d impianto più frequente. Si utilizzano piantine (allo stadio di 2-3 foglie vere) fatte sviluppare in contenitori alveolati. Nel caso di colture semi-forzate e forzate, in zone dove è alta la probabilità di tracheofusariosi, si può ricorrere anche all impiego di cocomeri innestati su zucca (Lagenaria siceraria o ibridi interspecifici di Cucurbita maxima Cucurbita moschata). Le cultivar senza semi sono sempre trapiantate. La loro ridotta produzione di polline (fisiologicamente indispensabile per indurre l allegagione del frutto partenocarpico) richiede il trapianto di una cultivar impollinante che può essere eseguito secondo due differenti modalità: 1. trapianto sulla stessa fila di una pianta impollinatrice ogni 3-4 piante della varietà senza seme; 2. trapianto, su file alternate, di piante impollinatrici e piante della varietà senza seme, nel rispettivo rapporto di 1 a 3. La sarchiatura meccanica lungo l interfila è valida per eliminare le piante infestanti e anche per evitare la formazione della crosta superficiale. La pratica della cimatura dell asse principale comporta l anticipo dell emissione delle ramificazioni. Il diradamento dei frutti si può effettuare allo scopo di scartare i frutti che hanno allegato precocemente e che potrebbero impedire l accrescimento degli altri. ANGURIA - CONCIMAZIONE AZOTATA DECREMENTI INCREMENTI Apporto standard di azoto in situazione Quantitativo di azoto da sottrarre (2) alla dose normale per una produzione di 48-72 t/ha Quantitativo di azoto che può essere agstandard in funzione delle diverse condizioni giunto (1) alla dose standard in funzione delle diverse condizioni. U 20 kg se si prevedono produzioni inferiori a 48 t/ha U 15 kg in caso di elevata dotazione di sostanza organica U 20 kg in caso di apporto di ammendante alla coltura precedente U 15 kg in caso di successione a leguminosa annuale 0095.Capitolo_4b.indd 228 DOSE STANDARD: 120 kg/ha di N U 20 kg se si prevedono produzioni superiori a 72 t/ha U 15 kg in caso di scarsa dotazione di sostanza organica U 30 kg in caso di successione a un cereale con paglia interrata U 20 kg in caso di forti escursioni termiche e precipitazioni anomale durante la coltivazione in pieno campo 3/15/19 3:45 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee