PRODUZIONI VEGETALI 

APPROFONDIMENTO 218 PRODUZIONI VEGETALI ERBACEE Coltivazioni delle liliacee orticole (Cipolla, Aglio, Asparago) Cipolla (Allium cepa) Viene coltivata in quasi tutti i Paesi del mondo. ESIGENZE CLIMATICHE E PEDOLOGICHE. La temperatura ottimale è di 20-25 °C. Preferisce terreni di medio-impasto, ben drenati, ricchi di sostanza organica, con pH 6-7. Non tollera quelli salini. BOTANICA E CULTIVAR. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae. La fecondazione è allogama. Esistono cultivar a libera impollinazione e ibride. Le cultivar in commercio si classificano in base alla forma del bulbo, al colore delle tuniche esterne, al fotoperiodo, alla destinazione del prodotto, al periodo di coltivazione e all epoca di consumo (4.41a). Le cultivar a libera impollinazione più note sono Dorata di Parma, Rossa di Firenze, Borettana, Ramata di Milano, Rossa di Tropea, Bianca di Barletta e di Pompei, Bianca di Maggio e di Giugno, Agostana. Le cultivar ibride presentano una maggiore uniformità del calibro dei bulbi, una maggiore produzione e, a volte, una maggiore precocità, un più elevato contenuto di sostanza secca e di resistenza al marciume rosa delle radici e alla fusariosi. TECNICA COLTURALE. coltivata in successione a cereali vernini, lattuga e carota. L aratura principale si effettua a 30-40 cm di profondità. Richiede 100-150 kg/ha di N, 80150 kg/ha di P2O5 e 100-150 kg/ha di K2O. L impianto si può effettuare a semina diretta (per le cipolline sottaceto 60-120 kg/ha di seme), per bulbi da serbo e produzione da seme (3-10 kg/ha di seme), con il trapianto e il piantamento di bulbetti da ingrossare fino a 10-25 mm di diametro. La cipollina sottaceto si semina a spaglio o a file distanti circa 10 cm e 4 cm sulla fila, mentre per le cipolle da serbo le distanze, dopo il diradamento, sono di 15-25 cm tra le file e 8-15 cm sulla fila (4.41b). Gli erbicidi consentiti in pre-trapianto sono glifosate e glufosinate ammonio; in post-emergenza/ trapianto sono oxifluorfen, fluazif-pbutile, cicloxidin, propaquizofop. L irrigazione è necessaria per le colture effettuate in primavera-estate. stato approvato l impiego dell idrazide maleica come antigermogliante durante la conservazione. L estirpo dei bulbi si effettua con apposite macchine, quando la quasi totalità delle piante presenta le foglie ingiallite e reclinate a terra. Le cipolle vengono lasciate sul campo per una settimana per l essiccazione. PRODUZIONE, COMPOSIZIONE E CONSERVAZIONE. La produzione di bulbi varia da 30 a 70 t/ha; per i cipollotti aumenta con la dimensione dei bulbi al piantamento e varia a b c 0090.Capitolo_4a.indd 218 da 50 a 80 t/ha; per le cipolline da sottaceto si aggira sulle 25 t/ha. Per la commercializzazione dei bulbi allo stato secco il diametro minimo è di 10 mm. Per la conservazione a medio e lungo termine, le tuniche esterne, al momento dell immagazzinamento, devono essere molto secche; se la stagionatura non è avvenuta in campo (4.41c) si effettua in magazzini dotati di impianto di ventilazione, per 7-14 giorni a 25-35 °C e a umidità relativa inferiore al 75%. La conservazione per un lungo periodo ha luogo in celle frigorifere a 0 °C e al 70-75% di UR. Aglio (Allium sativum) L Italia da Paese esportatore si è trasformato in importatore. CARATTERI BOTANICI, BIOLOGIA E MIGLIORAMENTO. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae. distinto in base all epoca di piantamento (primaverile e autunnale) e al colore della tunica esterna dei bulbilli (4.42a), che può essere bianca (nel Bianco piacentino), rosa (nel Rosa napoletano e Rosa d Auvergne) e rossa (nel Rosso di Sulmona e Rosso maremmano). Per il miglioramento genetico si ricorre alla coltura in vitro. TECNICA COLTURALE. Segue una coltura da rinnovo. da evitare la successione con la cipolla. La temperatura ottimale di crescita è di 18-23 °C. Preferisce un terreno limososabbioso o limoso-argilloso, ben drenato e ben dotato di sostanza organica, a reazione neutra o leggermente alcalina. Non necessita di lavorazioni profonde. Richiede 100-150 kg/ha di N, 60-100 di P2O5 e 100-200 di K2O. La coltura si impianta mediante i bulbilli (0,8-1,2 t/ha) disposti con l apice verso l alto, su file distanti 25-60 cm e 8-15 cm sulla fila, a mano o con macchine piantatrici pneumatiche, o agevolatrici con distributori disposti a ruota o a sviluppo triangolare (4.42b). Gli erbicidi impiegati sono il glifosate, pendimethalin, oxyfluorfen, pendimethalin, propaquizofop. L irrigazione è necessaria per ottenere buone produzioni. RACCOLTA E COMMERCIALIZZAZIONE. La raccolta per il consumo fresco inizia in aprile-maggio, mentre quella dell aglio secco da giugno ad agosto; si può effettuare anche a macchina. La produzione varia da 10 a 20 t/ha. L aglio secco si conserva per 6-7 mesi a 0 °C e al 70% di U.R. Si impiega idrazide maleica in campo quale antigermogliante in magazzino. Per l esportazione, il diametro minimo dei bulbi per la categoria extra è di 45 mm, per la categoria I e II, di 30 mm. b a 4.41 (a) Varie cultivar di cipolla; (b) coltivazione di cipolle; (c) fase dell essiccazione dei bulbi in campo. 4.42 (a) Bulbilli di aglio; (b) coltivazioni. 3/18/19 1:51 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee