PRODUZIONI VEGETALI 

PRODUZIONI VEGETALI: CONOSCENZE E TECNICHE OPZIONE PER GLI STATI DISTRIBUZIONE Pagamento di base Pagamento ridistributivo Obbligatorio Facoltativo max 70% max 30% Pagamento ecologico (greening) Obbligatorio 30% Pagamento per le zone con vincoli naturali Facoltativo max 5% Pagamento per i giovani agricoltori Obbligatorio max 2% Pagamento accoppiato Facoltativo max 15% Pagamento dei piccoli agricoltori Facoltativo max 10% PAGAMENTI MEMBRI FONDI Il sostegno ai seminativi riguarda sette colture: riso, barbabietola, pomodoro da industria, grano duro (Centro-sud), soia (Nord), proteaginose (Centro), leguminose da granella (Sud). All olivicoltura è destinato il 16,4% delle risorse. Allo scopo di rendere i pagamenti diretti più facilmente accessibili alle piccole aziende agricole, per ridurre i costi amministrativi relativi alla gestione del sostegno diretto, è stato istituito uno specifico regime semplificato che consiste in un pagamento annuale forfettario che sostituisce tutti i pagamenti diretti. Gli agricoltori che partecipano al regime semplificato hanno una serie di vantaggi: a. sono esonerati dalle pratiche agricole del greening; b. la domanda di accesso al sostegno è più semplice; c. la condizionalità e i controlli sono semplificati. 21 Introduzione I.26 Tipologie dei pagamenti diretti. CONDIZIONI Condizionalità base Per i primi max 30 ha Pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente Localizzazione in aree con vincoli naturali Età , 40 Specifiche produzioni, esclusi tabacco e patate Piccolo agricoltore SUPERFICIE AZIENDALE A SEMINATIVO COLTURE DIMENSIONE MINIMA Fino a 10 ha Esenzione Da 10 a 30 ha Min. 2 Maggiore di 30 ha Min. 3 Nessuna delle colture deve coprire più del 75% della superficie a seminativo principale La coltura principale copre al massimo il 75% della superficie a seminativo; le due colture principali al massimo il 95% I.27 Tabella di riferimento per il calcolo del pagamento ecologico o greening. Il futuro della PAC oltre il 2020 La Commissione Europea ha già iniziato il dibattito sul futuro della PAC dopo il 2020. Le principali caratteristiche delle proposte avanzate dalla Commissione sono : 1. Un nuovo metodo di lavoro. Gli Stati membri godranno di una maggiore flessibilità nell utilizzo dei finanziamenti loro assegnati e potranno progettare programmi su misura. Potranno trasferire fino al 15% dei propri finanziamenti dai pagamenti diretti allo sviluppo rurale e viceversa. Saranno inoltre assicurate condizioni di parità tra gli Stati membri. 2. Una politica più equa con un sostegno più mirato. I pagamenti diretti rimarranno una componente essenziale, assicurandone la stabilità e la prevedibilità per gli agricoltori. Sarà data priorità al sostegno di aziende agricole di piccole e medie dimensioni e agli aiuti ai giovani agricoltori. I pagamenti diretti saranno ridotti a partire da 60.000 e limitati a 100.000 per azienda agricola. Si terrà debitamente conto del costo del lavoro. 3. Obiettivi più elevati in materia di ambiente e clima. Il sostegno al reddito degli agricoltori dipende già dall attuazione di pratiche rispettose dell ambiente e del clima, ma la 0050.Introduzione_a.indd 21 nuova PAC richiederà agli agricoltori di conseguire obiettivi ancora più ambiziosi grazie a misure obbligatorie e basate su incentivi. 4. Maggiore utilizzo di conoscenze e innovazioni. L obiettivo è il raggiungimento di una PAC ancora più evoluta, in grado di avvalersi di tecnologie e innovazioni sofisticate e di fornire un aiuto sul campo agli agricoltori e alle pubbliche amministrazioni. Lo scenario in cui si svolge tale dibattito sul futuro della PAC presenta molti fattori nuovi rispetto al passato. In primo luogo, la politica europea vive una situazione nuova e grave: la Brexit, i movimenti anti-europeisti e populisti, i flussi migratori. In secondo luogo, l attuale PAC è considerata da tutti complessa e inadeguata alle esigenze degli agricoltori (il greening è giudicato quasi unanimemente un fallimento). In terzo luogo, è diversa anche la situazione socio-economica attuale: volatilità dei prezzi, crescente ruolo del cibo salutistico, cambiamenti climatici, occupazione, emigrazione. Lo scenario attuale mostra quindi molte più incognite e non sarà facile trovare un accordo tra i 27 Paesi membri. 3/15/19 3:39 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee