PRODUZIONI VEGETALI 

COLTIVAZIONI ORTICOLE 209 Capitolo 4 Tra gli ibridi ormai affermati si citano: Eppo, Fenice, Quadrus, Sienor, Solero, Stellor, Theos, Tolomeo, Minerva, Marina Bay, Corner. Come parametri produttivi (relativi a ibridi coltivati) riportiamo in sequenza: frutti per pianta, da 9 a 18; peso del frutto, da 140 a 250 g; produzione, da 40 a 60 t/ha. Tecnica colturale Per le lavorazioni pre-impianto si consiglia di eseguire un aratura di media profondità (30-35 cm) associata ad una ripuntatura, al fine di favorire una rapida infiltrazione dell acqua piovana, nonché la rottura della suola di lavorazione. Il successivo affinamento del terreno è eseguito con estirpatori, erpici o coltivatori di vario genere. La preparazione dei terreni sotto serra può essere effettuata mediante vangatura meccanica seguita da un singolo passaggio con fresatrice per la preparazione del letto di semina/trapianto. Si consiglia la pacciamatura del terreno, preferibilmente con materiale biodegradabile. La rincalzatura favo4.28 I peperoni di Pontecorvo hanno risce un ulteriore emissione di radici. Nel caso di utilizzo di piante innestate, ottenuto il marchio DOP. la rincalzatura è da evitare poiché comporterebbe l interramento del punto d innesto e il successivo affrancamento del nesto. Nelle zone climatiche e nei luoghi (campi o serre) atti a soddisfare le specifiche esigenze termiche del peperone, la messa a dimora delle piantine (con pane di terra) può essere eseguita come di seguito. In serra: a) fila binata (distanza tra le file 40-50 cm, distanza su ciascuna fila 40-50 cm, distanza tra i centri delle bine 160 cm, 25.000-31.000 piante/ha); b) fila semplice (distanza tra le file 100 cm, distanza sulla fila 40-50 cm, 20.000-25.000 piante/ha). In pieno campo: 1. fila binata (distanza tra le file 80-90 cm, distanza su ciascuna fila 35-45 cm, distanza tra i centri delle bine 160 cm, 28.000-36.000 piante/ha); 2. fila semplice (distanza tra le file 100 cm, distanza sulla fila 30-40 cm, 25.000-33.000 piante/ha). La fila binata ha i seguenti vantaggi: minori danni da scottature solari; risparmio manichetta forata (una per bina); risparmio dell eventuale pacciamatura; facilità di passaggio dei mezzi meccanici. Occorre tenere presente che la fila binata, con le piante sfalsate sulle due linee, potrebbe causare difficoltà a individuare e distaccare le bacche nella parte più interna. L irrigazione ha lo scopo di soddisfare il fabbisogno idrico della coltura evitando di superare la capacità di campo, per contenere lo spreco di acqua, la lisciviazione dei nutrienti e lo sviluppo di avversità. indispensabile calcolare i volumi di irrigazione in funzione delle varie fasi fenologiche, della densità di impianto, delle tecnologie impiegate e delle condizioni pedoclimatiche dell ambiente di coltivazione. Il peperone richiede irrigazioni abbondanti e ripetute e concimazioni adeguate, soprattutto quella azoto-potassica. Gli asporti di elementi nutritivi in kg, per 1.000 kg di bacche prodotte sono stimati in 3,9 kg di azoto, 1,0 kg di fosforo, 5,0 kg di potassio, 2,0 kg di calcio, 0,2 kg di magnesio. G LOSSARY Serra: Greenhouse TIPO 4.29 Valori di adacquamento massimi in relazione al tipo di terreno e alle principali fasi fenologiche (solo per gli impianti irrigui per aspersione, per le manichette ad alta portata e per le colture protette). 0090.Capitolo_4a.indd 209 DI TERRENO Argilloso Franco Sabbioso Vmax (m3/ha) EMERGENZA FIORITURA FIORITURA ALLEGAGIONE ALLEGAGIONE - 248 212 174 495 421 347 550 450 350 MATURAZIONE 3/15/19 3:45 PM

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume A - Erbacee