Difesa delle colture

XII Struttura dei contenuti I contenuti relativi al Corso di Difesa Applicata delle colture sono stati organizzati in ambiti strutturali ben definiti. parte 2 Difesa Introduzione La suddivisione generale è in 3 Parti, che circoscrivono aree di indagine di grande portata. Ogni Parte è aperta dal richiamo ai prerequisiti generali necessari e dalla sintesi ragionata degli obiettivi raggiungibili. Una traccia dei contenuti definisce l insieme degli argomenti (Capitoli), sviluppati. Inoltre, ogni Parte si apre con un introduzione operativa che propone argomenti chiave, tecniche e strategie di difesa, che anticipano e corredano il contenuto dei successivi Capitoli. Melo: malattie parte 3 7 276 colture Difesa della vite e delle Quadro di riepilogo e arboree pomacee Introduzione ai contenuti i per lo I prerequisiti necessar sione dei sviluppo e la compren ti dalle contenuti sono richiama ali. seguenti tracce concettu dicotiledoni, me, angiosper : Botanica rosacee, pomacee vegetativa, Biologia:: ciclo, ripresa ento fioritura, allegagione, ingrossam e maturazione pomi ntitativi, Genetica: caratteri quali-qua varietali, resistenza avversità, liste del autunnali, invernali, banche genoma Economia: comparto frutticolo, nazionale diffusione, importanza e, zone di Ecologia: aree di coltivazion nto produzione, varietà e adattame Obiettivi generalili legate alla Le problematiche ambienta fortemente hanno difesa e coltivazione lo studio e la implementato la ricerca, tecniche di lotta diffusione delle varie il mantenimento, integrata per garantire di elevati in molti casi il ripristino, naturale dei standard di equilibrio e la corretta frutteti. L applicazione strategie di difesa gestione delle diverse specie e di controllo delle avversità, le, ambienta impatto quelle a basso sessuali (per l impiego delle trappole e catturare i re, monitorare, disorienta sempre più ci fitofagi) e di agrofarma della fauna utile, selettivi nei confronti studio di gie rappresentano metodolo seguite. più e applicazione sempre tano, In termini concreti rappresen ultimi da in prospettiva, gli obiettiviper: re perseguire e raggiunge le; la salvaguardia ambientadi produzione; il contenimento dei costi ore. la tutela del consumat Fitoiatria: trattam enti chimici, antiparassitari e insetticidi Economia: impor tanza ortoflorovivaistich delle colture e in Italia e nel mondo Danni da tignola-tuta su bacca (cuore di bue) non anco ra matura. Colatura fiorale provocata da forte attacco di mal bianco su melo, Oidium farinosum; è ben visibile il consistente feltro miceliare che ricopre peduncolo e calice fiorale. Estesa rugginosità su pera, in corrispondenza della fossa calicina, provocata dall eriofide Epitrimerus pyri. nuti e di difesa: lotta biologica in serra 4 - Difesa: pian e ornamentali te floreali Floreali e ornam entali: Rosa Rododendro e Azalea Altre Floreali e ornamentali: piante da ore Ornamentali oricole: tappe e ornamentali ti erbosi Esercizi 7 277 dei rimandi ità Indice e segnalibro Fisiopatia Necrotica Plastomania Fitoplasma Auxonica Mosaico del melo Virus Mosaico Marciume radicale fibroso Armillaria mellea Fungo Ipnochereutica Cancro delle pomacee Nectria galligena Fungo Necrotossica Indice { Organi colpiti Radici Colletto Fusto Rami pag. Foglie Getti Fiori Frutti Fungo Necrotossica Marciume lenticellare Gloeosporium album Fungo Litica Nematodi Meloidogyne spp. Fitofago Suzione Ragnetto rosso dei fruttiferi e della vite Panonychus ulmi Fitofago Suzione Afide grigio del melo Dysaphis plantaginea Fitofago Suzione Afide verde del melo Aphis pomi Fitofago Suzione Afidi delle galle rosse Dysaphis spp. Fitofago Galligena Afide lanigero Eriosoma lanigerum pag. { 301 { 301 { 301 { 301 { 182; 226; 342 { 301 { 163; Fascicolo A-21 { Fascicolo Mod. 12 A-36 { 281 { 282 { 326; 349 { 283 Fungo Trofica Ticchiolatura Venturia inaequalis Segnalibro { Fungo Litica Mal bianco Podosphaera leucotricha { 284 { 288 { Vite 238; 109; 217 { 282 { Vite 243 { 288 Fitofago Suzione Cicalina delle rosacee Edwardsiana rosae Carpocapsa delle mele Cydia pomonella Fitofago Suzione Lo sviluppo specifico del testo è proposto in 10 Capitoli che unitamente all Appendice, definiscono gli ambiti operativi di argomenti più definiti. Tutti i Capitoli sono aperti da un richiamo ai prerequisiti necessari e agli obiettivi generali raggiungibili per l argomento specifico. { 289 { 290 { 290 Fitofago Suzione Cocciniglia di S. José Comstockaspis perniciosa { 291 { 302 { 182 { 292; { 389 Fitofago Erosione 314 { 347 Fitofago Erosione fascicolo A questi contenuti disponibili sul testo si aggiunge la trattazione degli argomenti relativi al Verde alberato, paesaggistico e forestale , proposti sul Fascicolo in estensione al testo disponibile in forma completa sul Libro digitale. Traccia dei conte Introduzione Introduzione Ortive: malat Ortive Solan tie comuni; tofagi comuni acee Ortive Insalate Ortive Ortive Ombr ellifere Ortive Cucurbitacee Ortive Brass Composite Ortive Liliac icacee Ortive ee Leguminose Esercizi Fragola Butteratura amara Tignola orientale Cydia molesta o Esempli cazion presentazione avvers Moniliosi Monilinia spp. Aspetto di larva di Tuta absoluta. Inquadrament A Difesa Introduzione ai conten uti I prerequisiti necess sviluppo e la compr ari per lo ensione dei contenuti sono richiamati dalle seguenti tracce concettuali. Botanica: piante arboree da arredo e forestali, radici, fusto, foglia, portamento Biologia: ciclo biologic o poliennale, ciclo vegetativo e riprodu ttivo Biologia applicata: avversità, funghi e fitofagi, organismi utili Biologia applicata: lotta guidata, integrata, chimica, biologica Genetica: specie cloni e varietà, resistenze ai parassi ti Ecologia: agrome teorologia, ambien te urbano e territorio, ecosistemi forestali Agronomia: impiant o, allevamento, stabilità degli alberi Coltivazioni: alberat ure urbane, giardini e parchi pubblici Selvicoltura: gestion e e trattamento di boschi e colture forestal i Fitoiatria: dendro chirurgia, antiparassitari, bioinse endoterapia, tticidi Economia: Importa nza e diffusione delle essenze di arredo urbano e forestal i Inquadramento genera le e obiettivi Perseguire e consol sviluppo e la sintesiidare gli obiettivi voluti con lo dei saperi propos ti. verde alberato paesaggistico e forestale Le essenze arbusti ve e arboree di derivaz Le piante coltivateione forestal per silvoscopi iscono alimente interag e orname tutti gli ari ntalicon o ambiti ecologi comun ci, siano que in genera essi pubblic le, alle alle Sperma tofite.i (parchi e aree ricreative), privati (giardini, colture a legno), o naturali (aree protette Gli organis , boschi mi ostili e foreste) attacca . no e parassitizzano le piante causan Le do problemdei danni atiche direttiarie fitosanit o indirett di i alle questi produz ambien ioni. ono, ti richied di volta in volta, un atte particolare, in qualche nzione caso mirata Le piante anche si contrap al solopongon singoloo individ agli attacch uo (es. i dei piante parassi secolar ti i). L intera con verezione e proprie antropi reazion ca diretta i di o indirett autodif esa a condizi di variaona natura. tutta la relativa gestione fitosanitara. Inonotus hispid us è uno dei tanti rappresentanti di funghi parassiti di tronco e branch e di latifoglie (frequentemente melo, frassino, platano): ha corpo fruttifero con la caratteristica forma a ventag lio. O ICOL C S A F Esemplare adulto di crisomela del pioppo (Criso Crisom mela ela populi): i): questo coleot tero defogliatore, in caso di forte infesta può scheletrizzar zione, e completamente le piante attaccate, piopp o e a volte salice . Il verde alberato urbano delle Con lo svilupp o nel tempo nostre rappres enta, indelle pratichcittà e agricole molti casi, l uomo ha un patrimo provved nio a sviluppare non solouto anche natural e ma anche le tecnich e di difesa e sopratt contro i colturale: parassiti utto parte di varia integrante natura. delle bellezze artistico-naturali del nostro paese. In questi ambiti, il Sin dalla notte valore aggiuntodei tempi, la storia insegnaè la godibilità ambien tale che inche taluni casi spesso le ragioni giustifi di grandi ca interventi anche sconvolgimen molto onerosi.ti e migrazioni della specie umana sono riconducibili a problem Le piante atiche legate allasilvo-fo distruzrestali ione posson essere attivamdelle coltivazoioni ente agrarie. gestite con l impianto di vere e proprie colture da legno programmate, oppure possono essere sfruttate nei loro ambiti naturali, boschiv i e forestali. La salvaguardia della massa legnosa in produz ione, primo caso, e l attenz nel ione all ambito ecologi co e produttivo nell altr salutistico o, giustificano l attuaz ione di opportune strateg ie fi che possono essere tosanitarie decise e attuate anche su larga scala. Traccia dei contenuti Introduzione Aspetti genera li A-2 Esempli cazione di strateg difesa: il punter ia di uolo rosso delle palme A-8 Modulo 11 Difesa Larve di crisom ela del pioppo: a differenza degli esemplari adulti che provocano fori sul lembo foglia re, le larve erodon o compl parenchima e anche etamente spogliando compl le nervature etamente la pianta . 85 generale e obiet Perseguire e tivi consolidare gli obiettivi sviluppo e la voluti con lo sintesi dei saper i proposti. L ortofloroviv aismo un piante comparto attivo è Le coltivate per e scopi tecnologica alimen tari emente ornamavanz entali ato la realtà o e comu italian nque a risulta in gener tanto ale, alle variegata quant Sperm atofi o progreditaalle nelle tecnicte. he colturali. Di pari passo le strate gie di difesa Glivolta organ sono di inismi ostili volta attacc adegu ano ate e diparass situazitizzan ione o le piante al tipo a attuat causando dei e coltur danni diretti a. o indire alle Molte tti zioni. colture,produ in virtù del breve ciclo vegetativo, seguire la stagio possono nalità natura Le piante si contra (verdu re), altre sono ppongono le agli attacc forzat per l antic hi dei parassiti e produ con vere eipo ttivo (le primiz ie) o propri reazioni ancorae ritarda di ifesa di eautod progra naturate mmatvaria e in funzio . ne di particolari ricorrenze (le floricole) oppur e protette per essere prodo Con lo sviluptte lontan o dal loro habitat naturapo nel tempo delle pratic he agricole. le l uomo ha provveduto a sviluppare anche le tecniche di L inte nsivizzazion difesa contro e coltur parass alei iti diprodu e dei cicli variattivi natura . tua accen l insorgenza e la parassiti e fitofagipresenza di che, nel Sin dalla caso notte dell ec deima osiste tempi , ciale artifi la storiabiente dell am insegnprotet a cheto, posso spessorele ragion risulta ancor più i grandi no etitivi. sconvolgimenti dicomp e della specie umanmigrazioni a sono Le strate ricond gieidi ucibil difesa matic a proble attuathe e in questi alla legate casidistru si differe nziano zione delle, a volte notev coltiva zioniolmen agrarite, e. da quelle di pieno camp o. Un attenta gestione agron omica abbinata alle migliori strate gie di lotta guidata, integr ata e biologica, possono corris pondere all esigenza di riduzione dei trattamenti chimi ci. 3 Difesa coltu re orticole Batteriosi Tumore batterico ns Auxonica Agrobacterium tumefacie Fungo Marciume del colletto Litica Phytophthora cactorum al clima impianti, Agronomia: vivaio e nuovi esigenze colturali, tecniche one agronomiche e fertilizzazi Coltivazione: ciclo, tipologie operazioni allevamento e potatura, colturali e meccanizzazione conservazione, Raccolta: produzione, zione e consumo fresco, trasforma sottoprodotti, filiere ai contenuti I prerequisi ti necessari per sviluppo e la comprensione lo contenuti sono dei seguenti tracc richiamati dalle e concettuali . Botanica: piante erbac radici, fusto, foglia,ee e arbustive, fiore, frutto Biologia: cicli biologici annua li, biennali, perenni Biologia applic ata: avversità, cicli di funghi e fitofagi, organismi utili Biologia applic ata: lotta a calend ario, lotta guidata, lotta integrata, lotta biologica Genetica: miglio ramento genet ico, Biotecnologie innovative e OGM Agronomia: agrom eteoro previsionali, sistem logia, modelli i di forzatura Coltivazioni erbac ee: pratiche agronomiche e concia dei semi Coltivazioni erbac ee: ambiente protet colture in to, colture fuori suolo Tipologia Agente causale avversità di malattia o danno Azione sulla Identificazione per pianta nome comune e scientifico 281) MELO (Rosacee) (pag. Difesa: Danni generalizz ati su pomodoro in coltura prote tta nel ragusano, provocati dalla Tignola del pomodoro, Tuta absoluta, una nuove emergenz delle e in ambito fitosanitario . Il Lepidotter o Gelechide origi nario del Sud America è stato segnalato per la prima volta, nel bacin mediterraneo, o nel 2008. nel settore ortoflorovivaist ico : verde albera to urbano A-16 Aspetti genera li A-17 Platano A-18 Ippocastano Tiglio A-25 Cedro A-24 A-27 Cipress o A-27 Eserciz i A-29 Modulo 12 Difesa : colture legnose e ambie forestali nti Generalità A-32 A-30 Pioppo A-33 Pino A-44 Pino A-46 Abete A-47 marittimo Quercia A-48 Olmo A-53 Esercizi A-56

Difesa delle colture
Difesa delle colture
PARTE APPLICATIVA