Difesa delle colture

Foraggere graminacee Difesa: colture agroindustriali, foraggere e officinali 79 Foraggere graminacee pratensi GRAMINACEE PRATENSI LE AVVERSIT IDENTIFICAZIONE Mal del piede (Take-all) Fusarium spp., Gaeumannomyces spp., Leptosphaeria spp., Pseudocercosporella spp., Rhizoctonia spp. Danni I diversi agenti patogeni, che agiscono in maniera consociata o singola, determinano alterazioni necrotiche a radici, colletto e culmo con conseguente riduzione dello sviluppo, allettamento e anche morte delle piante. Difesa Eliminare i ristagni idrici, concimare in maniera equilibrata evitando gli eccessi di azoto, effettuare rotazioni colturali, seminare cultivar poco sensibili, conciare il seme con miscele di anticrittogamici sistemici e di copertura (es. carboxin + ditiocarbammati). { Cereali Necrosi radicali da Gaeumannomyces spp. IDENTIFICAZIONE Mal bianco (Powdery mildew) Erysiphe graminis div. Ascomycota fam. Erysiphaceae Danni Sulle foglie e sui culmi compare un area clorotica che si ricopre di muffetta polverosa bianco-grigiastra che si fa via via più densa e feltrosa. Su tale micelio fungino compaiono corpi nerastri puntiformi costituiti dai cleistoteci dei parassiti. I tessuti colpiti disseccano. Difesa Favoriscono la malattia gli ambienti umidi e ombrosi o le laute concimazioni azotate. Seminare varietà resistenti, sfalciare anticipatamente. { Cereali IDENTIFICAZIONE Piante aromatiche e officinali (Le avversità) Assenzio Ruggini (Rust) Puccinia spp. div. Basidiomycota fam. Pucciniaceae Danni Sono causate da funghi basidiomiceti. Su tutte le parti verdi della pianta, con predilezione per le foglie, compaiono pustole (sori) ripiene di polvere gialla, arancio, bruna o nera costituita dalle spore dei patogeni. Il danno consiste in un alterazione dei processi fotosintetici e respiratori: le piante crescono di meno, la produttività diminuisce. Difesa Impiegare cultivar resistenti, anticipare gli sfalci. { Cereali Ruggine (Black rust) Puccinia absinthii Sulle foglie compaiono pustole polverulente di colore bruno chiaro. La malattia si sviluppa in impianti troppo fitti o in condizione di elevata umidità. Afide dell assenzio Macrosiphoniella absinthii Sono insetti bruno-rossastri ricoperti di cera grigiastra che causano i tipici danni da afidi. Afide delle radici (Artichoke root aphid) Protrama radicis In caso di forti infestazioni si interviene con insetticidi granulari distribuiti al suolo. Tignola dell assenzio Depressaria absynthiella Piccolo lepidottero (apertura alare 2 cm) le cui larve si nutrono di foglie formando grovigli che impediscono la formazione delle infiorescenze. Mosca minatrice Silographa arthemisiae Piccolo dittero le cui larve minano le foglie causando ingiallimenti e disseccamenti fogliari. IDENTIFICAZIONE Afidi Rho- palosiphum padi (Bird-cherry aphid) Metopolophium dirhodum (Rose-grain aphid) Sitobium spp. ord. Hemiptera fam. Aphididae Danni Questi insetti si presentano in colonie con forme alate e attere. Determinano ingiallimenti conseguenti alla sottrazione di linfa e produzione di melata con conseguente sviluppo di fumaggini. Gli afidi possono trasmettere gravi virosi. Difesa Sfalciare anticipatamente, limitare le concimazioni azotate. { Cereali Camomilla comune e romana Ruggine bianca delle asteracee (White rust) Albugo tragopogonis Su tutte le parti verdi compaiono pustole biancastre che lacerandosi liberano i propaguli del patogeno. Vanno eliminate le piante colpite e le infestanti della coltura. Lavanda e ibridi di lavanda Gabotto (Shab) Phoma lavandulae Compaiono desquamazioni biancastre sui culmi, la pianta deperisce. Marciume radicale (Rot rot) Rosellinia necatrix Sulle radici si sviluppa un feltro micelico biancastro. Le piante deperiscono, hanno scarso sviluppo e scarsa fioritura. Distruggere le piante colpite, disinfettare le buche con calce viva. Septoriosi (Lavander leaf spot) Septoria lavandulae Sulle foglie, specialmente le basali, compaiono numerose piccole macchie bianchicce tondeggianti. Defoliazione e perdita di vigore. 2

Difesa delle colture
Difesa delle colture
PARTE APPLICATIVA