Difesa delle colture

Foraggere leguminose Difesa: colture agroindustriali, foraggere e officinali 77 ERBA MEDICA E TRIFOGLIO ALTRE AVVERSIT Steli di leguminosa con tacche depresse e scure ai margini. IDENTIFICAZIONE Antracnosi (Lucerne anthrac- Capolino sano a destra e capolino con virescenza a sinistra. IDENTIFICAZIONE Virescenza o fillodia del trifoglio (CCPh) e (ICPh) fitoplasmi div. Tenericutes clas. Mol- licutes Danni Malattia tipica del trifoglio causata da fitoplasmi, molto diffusa nell Italia settentrionale, dove può portare alla perdita della coltivazione in pochi anni. I pezzi fiorali sono trasformati in foglie. La malattia è molto dannosa per le coltivazioni da seme, ma anche le colture da sfalcio risultano compromesse in quanto le piante colpite hanno sviluppo stentato, anomale colorazioni fogliari e necrosi dei tessuti. Difesa Utilizzo di semente sana, distruzione delle colture infette, rotazioni agronomiche consigliate. Culmo di trifoglio invaso dal micelio bianco di Sclerotinia trifoliorum. nose) Colletotrichum trifolii div. Ascomycota fam. Glomerellaceae Danni In corrispondenza di periodi caldo-umidi tra fine estate e inizio autunno si manifestano ingiallimenti delle piante distribuite a formare aree tondeggianti nei campi coltivati. Sulle piante colpite, alla base dello stelo, compaiono tacche depresse di forma ovale con bordo scuro ed evidenti acervuli al centro. I tessuti colpiti disseccano e assumono colorazioni bluastre. A fine inverno dagli acervuli sono emessi conidi che diffondono la malattia che procede con più cicli infettivi in caso di annate caldo-umide. Difesa In caso di forti infezioni è conveniente arare l erbaio e sostituirlo con una coltura di graminacee o con altre specie non leguminose. Buone pratiche preventive consistono nell impiego di varietà resistenti e rotazioni con graminacee evitando abbondanti apporti di sostanza organica. Uromyces striatus: pustole fogliari. IDENTIFICAZIONE Ruggine delle leguminose IDENTIFICAZIONE Sclerotinia (Clover rot) Sclerotinia trifoliorum div. Ascomycota fam. Sclerotiniaceae Danni Le piante deperiscono e muoiono in seguito allo sviluppo di un marciume basale, con comparsa di micelio bianco con sclerozi bruni. Difesa Distruzione e interramento delle colture infette, rotazioni agronomiche consigliate. Cuscuta: sono evidenti tra i filamenti i boccioli fiorali della fanerogama parassita. (Alfalfa rust) Uromyces striatus div. Basidiomycota fam. Pucciniaceae Danni Le piante possono essere colpite fin dall inizio della primavera. Sulle foglie e anche su fusti e piccioli compaiono pustole che liberano una polvere brunastra costituita dalle uredospore del fungo. In seguito si manifestano pustole più scure producenti teleutospore. Le piante appassiscono. Questa ruggine compie il proprio ciclo completo tra leguminose ed euforbie (es. Euphorbia cyparissias). Difesa In caso di attacchi ingenti è consigliabile la rottura dell erbaio e la messa in rotazione con piante non leguminose. Il ricorso a varietà resistenti e a lunghe rotazioni consente un buon controllo della patologia. Adulto di Tychius flavus. IDENTIFICAZIONE Cuscu- ta (Dodder) Cuscuta spp. ord. Solanales fam. Convolvulaceae Danni Questa pianta fanerogama parassita si presenta come un insieme di filamenti giallastri o rossicci privi di foglie e di radici, che si avvolgono intorno ai fusti delle piante ospiti aderendovi con papille da cui dipartono austori. Le piante colpite sono debilitate e muoiono; la cuscuta produce piccoli fiori, si diffonde e si conserva tramite i semi. Le coltivazioni colpite presentano aree circolari depresse, con evidente infestazione che col passare del tempo può compromettere l intera coltivazione. Difesa La difesa si attua con l impiego di sementi prive di semi di cuscuta, rotazioni colturali e diserbanti specifici (propizamide). IDENTIFICAZIONE Tichio della medica (Lucerne seed weevil) Tychius flavus ord. Coleoptera fam. Curculionidae Danni Piccolo curculionide (2-3 mm) con il corpo ricoperto di squame giallastre. L adulto erode le foglie, le larve distruggono i semi. Difesa Per le colture da foraggio anticipare gli sfalci a inizio fioritura, per le colture da seme attuare eventuali interventi. 2

Difesa delle colture
Difesa delle colture
PARTE APPLICATIVA