3.3 Azienda e impresa

30 Parte A TORNACONTO ( T) IMPRENDITORE ORDINARIO IMPRENDITORE CONCRETO REDDITO NETTO (Rn) INFORMAZIONE MEMO Ai fattori della produzione bisogna aggiungere anche l informazione e la conoscenza (know how). MEMO Tra le funzioni di vendita e di marketing c è la promozione delle vendite. IMPORTANZA DELL INFORMAZIONE NELL ECONOMIA ATTUALE AZIENDA MEMO Secondo il codice civile (Art. 2555) l azienda viene de nita il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa . IMPRESA Economia generale e politica Inoltre l imprenditore si assume i rischi della gestione, rischi che possono essere tecnici o economici. Sui rischi tecnici, ad esempio una grandinata imprevista o un macchinario che non funziona perfettamente o una scelta tecnica errata, l imprenditore può intervenire con mezzi tecnici (reti antigrandine, nuovo macchinario, stipole di assicurazioni); sui rischi economici, ad esempio la variazione di prezzo di un prodotto, l imprenditore non ha nessuna possibilità di intervento. La gura economica dell imprenditore percepisce un compenso che prende il nome di tornaconto o pro tto ( T): può essere positivo, se è più capace degli altri imprenditori della zona; negativo, se è meno capace; nullo, se si comporta esattamente come gli altri imprenditori e quindi verrà de nito imprenditore ordinario . Un imprenditore di questo tipo, che possiamo chiamare puro o astratto o teorico, non esiste realmente, perché qualsiasi imprenditore concreto è contemporaneamente imprenditore e capitalista, e/o proprietario, e spesso anche lavoratore. Alla gura economica dell imprenditore concreto spetta un compenso che prende il nome di reddito netto (Rn). Il reddito netto è composto dal tornaconto e dalle altre remunerazioni che varieranno a seconda delle gure economiche rappresentate dall imprenditore. Se l imprenditore, ad esempio, è anche proprietario del fondo, il Rn corrisponderà al T + Bf; se l imprenditore concreto rappresenta anche la gura del capitalista, oltre a quella del proprietario, il Rn corrisponderà al T + Bf + I; se rappresenta tutte le gure economiche, il Rn corrisponderà al T + Bf + I + Sa + St. L economia classica non parla di informazione, intesa come conoscenza delle nuove tecnologie (competenza professionale dell imprenditore), conoscenza dei mezzi materiali e nanziari (tramite mostre, riviste e congressi i primi, convenzioni e contributi i secondi), conoscenza della concorrenza; ma non parla nemmeno di informazione, intesa come conoscenza dei mercati e del gusto del consumatore. L imprenditore, prima di gestire i fattori della produzione si deve informare su cosa e come produrre; solo successivamente sceglierà cosa e quanto produrre, per chi produrre e come. In ne, quando avrà prodotto ciò che è richiesto dal mercato superando la concorrenza, dovrà informare i potenziali clienti (tramite la pubblicità) che ha prodotto ciò che era stato richiesto dalla domanda e, dopo aver immesso il proprio prodotto sul mercato, dovrà promuoverlo con la pubblicità. Avendo aggiunto l informazione come fattore determinante della produzione, possiamo de nire l imprenditore come colui che coordina i fattori della produzione al ne di realizzare il massimo utile, sceglie i beni da produrre, i mezzi di produzione e le tecniche adeguate, colloca i prodotti sul mercato e si assume i rischi della produzione. A 3.3 Azienda e impresa A questo punto dobbiamo precisare che la combinazione dei fattori produttivi non è altro che l azienda nella sua attività di piena produzione. Secondo Serpieri, noto economista italiano del 900, l azienda costituisce la combinazione elementare dei fattori produttivi in quanto, nell assumere i fattori produttivi, l imprenditore deve rispettare certi vincoli detti vincoli di minimo : l agricoltore non può acquistare mezza trattrice e l imprenditore edile non può acquistare mezza grù. Bisogna tenere conto che oggi la cooperazione tra imprenditori, la possibilità di noleggio delle macchine e la cooperazione nel lavoro e nei servizi possono eliminare dalla de nizione di Serpieri il termine elementare . Ciò sta a dimostrare che l economia è una materia in costante trasformazione. Se l azienda rappresenta l unità economica nella quale si svolge il processo produttivo, e l imprenditore è la mente che coordina i fattori per produrre, l impresa può essere

ECONOMIA E GESTIONE AGROTERRITORIALE
ECONOMIA E GESTIONE AGROTERRITORIALE
con elementi di politica, contabilità e matematica finanziaria