Agricoltura e sostenibilità oggi

Agricoltura, fitoiatria e sostenibilità Agricoltura e sostenibilità oggi Ricapitolando quanto ampiamente discusso nella Parte 1a di questo volume, l obiettivo fondamentale dell attività agricola è produrre il massimo quantitativo di beni ma ai minimi costi energetici, ecologici, sociali ed economici. A un livello più generale, la prosperità dei consorzi umani si raggiunge quando vi è al contempo produzione ed equa distribuzione di ricchezza. Quando, nel periodo degli anni 50-60 del secolo scorso, l introduzione e il larghissimo uso di prodotti chimici atti ad aumentare la fertilità del suolo e a combattere parassiti e malerbe rappresentava la normalità e i miglioramenti delle varietà coltivate contribuivano ad un forte aumento della produttività agricola, si parlava di rivoluzione verde [ 7 ]. Tuttavia, nel corso dei decenni seguenti ci si è resi conto sia del grave impatto ambientale (con risvolti controproducenti ad esempio sulla gestione delle avversità a causa degli squilibri creati dalla distruzione dell entomofauna utile), sia dei danni a medio-lungo termine per la salute umana indotti da questa attività. Contestualmente, da parte dei consumatori è aumentata l esigenza di una maggiore qualità dei prodotti alimentari e della salvaguardia dei territori dall impatto dei pesticidi. emersa quindi la necessità di trovare un punto di equi- 167 Capitolo 5 librio e, a partire dagli anni 70 del Novecento, si è cominciato prima a pianificare e poi a praticare una agricoltura sostenibile, che trova una prassi operativa ormai sperimentata e di buon successo economico nell agricoltura biologica (e lotta biologica ai parassiti) e nella agricoltura integrata (o produzione integrata con le relative strategie di lotta ai parassiti, e avversità in genere, delle colture) [ 8 ]. Quest ultima è un regime facoltativo a cui le aziende possono aderire, ed è definita nell art. 2 della Legge n. 4/2011 come: sistema di produzione agroalimentare che utilizza tutti i mezzi produttivi e di difesa delle produzioni agricole dalle avversità, volti a ridurre al minimo l uso delle sostanze chimiche di sintesi e a razionalizzare la fertilizzazione, nel rispetto dei principi ecologici, economici e tossicologici . La pratica dell agricoltura sostenibile richiede necessariamente maggiori competenze da parte degli imprenditori agricoli e la presenza di strutture di sostegno che lo aiutino nell assumere scelte e decisioni. Oggi non è più immaginabile un moderno agricoltore sprovvisto di adeguate conoscenze tecniche nei vari settori agricoli, compresi quelli fitopatologico e fitoiatrico che impattano direttamente sulla salubrità ambientale e sulla qualità, anche alimentare, dei prodotti. a b 5 Agrosistema a vigneto e meleto in pianura di fondovalle (Trentino Alto Adige). 6 Agrosistema fortemente intensivo nella Pianura Padana del Cesenate (FC): è evidente l alto grado di organizzazione agricola che è conosciuta come centuriazione e deriva direttamente dall opera degli antichi Romani e dal loro modo di organizzare il territorio agricolo. 0140.Parte2_Cap_05.indd 167 7 In una scena del film Intrigo internazionale del 1959, si vede il protagonista Cary Grant correre in una sterminata e desolata campagna inseguito da un biplano; per sfuggire agli spari si rifugia in un campo di mais sul quale, però, l aereo scarica un potente antiparassitario. La scena è emblematica di come si praticava l agricoltura al tempo della cosiddetta rivoluzione verde (decenni successivi alla seconda Guerra Mondiale): l impiego massiccio di pesticidi allora era la regola, ovunque. 8 Questa azienda ha ottenuto la certificazione SQNPI (Sistema Qualità Nazionale Produzione Integrata) per il vino prodotto. SQNPI è un ente per il riconoscimento, la identificazione e la certificazione dei prodotti da agricoltura integrata. 14/04/21 10:45

Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture
Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture