Produzione di sementi in azienda

104 Agroambiente, Sostenibilità e Produzioni Produzione di sementi in azienda La produzione delle sementi dipende dalla modalità con cui le specie si riproducono ed è perciò importante distinguere tra piante autogame, allogame [ 8 ] e a propagazione vegetativa: piante autogame: in esse la fecondazione avviene tra polline e ovuli dello stesso fiore (autofecondazione) ciò dà luogo a una elevata omozigosi accompagnata da omogeneità e stabilità degli individui con popolazioni di piante molto simili ai loro genitori e in grado di produrre una prole simile a loro stesse. In seguito a ripetute generazioni è possibile ottenere specie adatte alla meccanizzazione e standardizzazione richieste dalla moderna agricoltura; piante allogame: si riproducono sessualmente per fecondazione incrociata. In esse, la naturale e continua possibilità di incroci genera eterogeneità, poca stabilità e fa sì che le specie siano adattate a un unico ambiente. Nelle specie allogame gli incroci avvengono casualmente e viene mantenuto un costante livello di eterozigosi e, se le popolazioni sono sufficientemente numerose, anche una elevata diversità tra individuo e individuo; Piante autogame coltivate 96-99 Mais 95 Vento 90 Segale 50 Vento Orzo 99 Girasole 80 Insetti vento Sorgo 90-95 Trifoglio 75 Insetti Avena 96-99 Erba medica 80 Insetti Soia 100 Barbabietola 100 Vento insetti Cece 100 Melo 100 Insetti Pisello 68-76 Pero 100 Insetti Fava 60-70 Olivo 75 Vento insetti Susino 100 Insetti 70 Pomodoro 95-97 Nocciolo 100 Vento Melanzana 96-99 Noce 100 Vento Peperone 75-95 Castagno 100 Vento Cotone 85-99 Ciliegio 100 Insetti Albicocco 90 Canapa* 100 Vento Pesco 90 Spinacio* 100 Vento Agrumi 90 Asparago* 100 Insetti Vite 80 Zucca 100 Insetti *Specie dioiche con piante maschili e piante femminili. 8 Tipologie di piante autogame e allogame. 0110.Parte1_Cap_04.indd 104 PIANTE A PROPAGAZIONE VEGETATIVA Selezione clonale b Agente impollinatore % di allogamia Riso Fagiolo comune a Piante allogame coltivate % di autogamia Frumento piante a propagazione vegetativa: derivano da riproduzione agamica attraverso la quale una porzione vegetativa (ramo, branca, radice, germoglio, foglia) posta in adatte condizioni ambientali origina una nuova pianta. Si tratta in realtà di cloni di uno stesso individuo che hanno, perciò, lo stesso genotipo dell individuo iniziale; tuttavia con il passare del tempo possono accumulare mutazioni che, individuate e isolate, vengono selezionate per la riproduzione [ 9 ]. 9 (a) Procedura di selezione per la propagazione vegetativa. (b) Olea sativa (olivo) propagata per innesto. TERMINOLOGIA ESSENZIALE FOCUS Parte 1 Specie: insieme di individui simili tra loro e interfecondi, i cui figli sono capaci a loro volta di generare altri figli. Varietà: insieme di individui appartenenti alla stessa specie dotati di caratteristiche molto simili. Cultivar: varietà coltivata, ovvero insieme di individui della stessa specie dotati di caratteristiche agronomiche uniformi. Clone: insieme di individui della stessa specie generati per moltiplicazione asessuale da un solo genitore; hanno identico DNA cromosomico, mitocondriale e dei cloroplasti (solo per le piante), le caratteristiche di forma e comportamento sono identiche se vivono nel medesimo ambiente. Clonazione: procedura tecnologica per ottenere un clone. Razza: termine di uso zootecnico riferito a particolari gruppi di animali della stessa specie dotati di caratteristiche omogenee. 14/04/21 10:39

Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture
Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture