Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture

103 Agricoltura, innovazioni e ambiente per via asessuale o agamica (moltiplicazione agamica), questa moltiplicazione avviene tramite porzioni vegetative di piante che hanno la capacità di formare in modo completo un nuovo individuo. Con questo metodo si ottengono piante-figlie che riproducono con assoluta fedeltà (fatta eccezione per rari casi di mutazioni gemmarie) le caratteristiche genetiche e morfologiche della pianta-madre. La propagazione asessuale è importantissima in arboricoltura e trova largo impiego nelle colture ortive (aglio, cipolla, fragola, cardo, ecc.) e floreali (crisantemo, garofano, rosa, ecc.). Nell ambito delle colture erbacee di pieno campo è invece poco usata (carciofo, patata). Le porzioni vegetative utilizzate per la moltiplicazione sono molteplici. Alcune derivano da formazioni naturali della pianta-madre: tuberi (patata); bulbi (cipolla); bulbilli (aglio); stoloni (fragola); rizomi (asparago). Altre da opportune manipolazioni attuate dall uomo: innesto; talea; propaggine; margotta; coltura di tessuti. In natura, gli esseri viventi presentano sempre una elevata diversità che consente agli individui adatti di sopravvivere alla selezione esercitata dai cambiamenti continui dell ambiente (più caldo, più freddo, più secco, ecc.). Fin dalle origini dell agricoltura i coltivatori hanno svolto le pratiche della propagazione delle piante e della loro selezione. Con la scoperta e l applicazione delle leggi della genetica, cui sono seguiti incrementi produttivi straordinari, la produzione delle sementi e delle piante è diventata un attività specialistica. Proprio in Italia, grazie al brillante lavoro di Nazzareno Strampelli nella prima metà Alcuni ricercatori hanno poi dimostrato che la dominanza di un carattere su un altro non è universale: si può avere dominanza incompleta (gli ibridi F1, cioè gli incroci di prima generazione, hanno caratteri intermedi tra quelli dei due genitori, per es. bocca di leone) o codominanza (entrambi i caratteri dei genitori si manifestano nella loro progenie F1). Seconda legge di Mendel o legge della segregazione Quando due individui eterozigoti per lo stesso carattere si riproducono, la loro progenie presenta nel 75% dei casi il fenotipo dominante e nel restante 25% quello recessivo [ 7 ]. In seconda generazione le coppie di alleli si disgiungono e si separano in proporzione fissa e costante durante la formazione dei gameti. Terza legge di Mendel o legge della indipendenza Quando due individui differiscono per più caratteri, questi vengono ereditati indipendentemente, cosicché nella discendenza si possono trovare tutte le combinazioni possibili. I fattori che specificano per caratteri differenti assortiscono indipendentemente all atto della formazione dei gameti e sono ereditati indipendentemente gli uni dagli altri. ( vedi Appendice, pag. 150) 7 La seconda legge di Mendel si spiega con la segregazione durante la meiosi dei cromosomi omologhi; ottenendo così la separazione dei due alleli in gameti distinti. 0110.Parte1_Cap_04.indd 103 Capitolo 4 del Novecento, si sono raccolti i frutti applicativi delle intuizioni di Gregor Mendel. Oggi la produzione delle sementi delle grandi colture cerealicole (mais, soia, frumento, riso, girasole, sorgo, ecc.) è gestita da grandi imprese, sovente a carattere multinazionale che con sapienti operazioni di selezione, di incrocio e di ingegneria genetica riescono ad ottenere piante sempre più produttive e resistenti alle avversità. L agricoltura trae enormi vantaggi economici e di resa dall uso di questi semi anche se si corre il rischio di andare soggetti a riduzione di biodiversità e a sistemi monopolistici nei quali la ricchezza viene convogliata nelle mani di pochi gruppi e non distribuita tra tutti i lavoratori coinvolti nella filiera produttiva. Le sementi per colture di interesse locale (molti ortaggi, colture minori, piante forestali) sono ancora prodotte, invece, da piccole aziende sementiere o anche dagli stessi agricoltori. La produzione di semi nell azienda agricola è una attività importante per conservare le varietà tradizionali ben adattate a un certo ambiente e, più in generale, per mantenere almeno un minimo di biodiversità negli agroecosistemi. Economicamente può rivelarsi in diverse occasioni vantaggiosa e tecnicamente semplice. La produzione delle piante per frutticoltura, viticoltura, giardini e alberate si avvale di numerose aziende sementiere e vivaistiche caratterizzate da forti interazioni con il territorio in cui operano. Grazie alla ricchezza di ambienti naturali e di storia culturale, l Italia riveste un ruolo importante in questo settore . MEIOSI I a A A Cellula diploide eterozigote (Aa) di una pianta a semi gialli a Profase I a A Metafase I Anafase I Telofase I a MEIOSI II Profase II a A A Metafase II Anafase II Telofase II a a A a Gameti aploidi possibili 14/04/21 10:39

Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture
Agricoltura sostenibile, biologica e difesa delle colture