PRODUZIONI VEGETALI 

Approfondimento 330 Produzioni Vegetali Arboree I l giuggiolo (Zizyphus sativa o Z. vulgaris o Z. jujuba): una Drupacea non appartenente alle Rosacee una pianta appartenente alla famiglia delle Ramnaceae originaria della Cina, introdotta in Italia dalla Siria all epoca dell Imperatore Augusto. l giuggiolo è molto diffuso in Cina e nei paesi dell Asia Centrale, dove rappresenta un importante fonte alimentare; in Italia è presente in tutte le regioni come pianta ornamentale o nei frutteti familiari. Si tratta di un piccolo albero o arbusto che di norma non supera i 3-4 m di altezza, a crescita lenta, con portamento da assurgente a espanso. L apparato radicale è ben sviluppato e la pianta ha attitudine pollonifera. La chioma è formata da tipiche ramificazioni contorte e spinose da cui si dipartono rametti, all inizio verdi e poi, una volta lignificati, di colore rosso-brunastro; in corrispondenza di ciasun nodo i rametti portano una coppia di spine di cui una lunga e dritta, l altra più corta e ricurva. Esistono tuttavia anche varietà inermi come la var. inermis Rehd. Le foglie sono alterne, ovato-oblunghe, lunghe 3-6 cm, glabre e lucide, leggermente dentate con apice tronco, dotate di un corto picciolo. I fiori piccoli (5 mm), giallo-verdognoli, riuniti in gruppi di 2-9 all ascella fogliare di rami fruttiferi penduli. Il frutto è una drupa con epicarpo indurito che a maturità assume un colore rossastro o bruno; il nocciolo ha una consistenza ossea e una forma allungata. La polpa biancastra, acidula, asciutta, dal sapore simile a un dattero, è ricca in zuccheri, proteine, vitamine (B1, B2, e in particolare C) e fosforo. Piuttosto diffusa è la partenocarpia. I frutti maturano scalarmente tra settembre e ottobre evidenziati dalla tipica invaiatura. Il germogliamento è tardivo (fine maggio) e così pure la fioritura (giugno) asincrona sullo stesso ramo. L allegagione non è sempre ottimale per varie cause: breve recettività del polline, fioriture sfasate, autosterilità, bassa fertilità delle cultivar autocompatibili. Alcune cultivar sono autoincompatibili, pertanto si consiglia la compresenza di più cultivar nello stesso frutteto. specie che valorizza luoghi aridi e incolti, mentre rifugge terreni pesanti e asfittici; predilige un clima temperato-caldo, ma non teme freddi invernali e caldi estivi aridi. Il giuggiolo si propaga per seme (germinabilità lenta), per polloni radicali (la tecnica più diffusa), per talea (semilegnosa prelevata in giugno), con l innesto (a gemma, in primavera su franco) e anche con la micropropagazione. In Italia sono diffuse due cultivar, a frutto lungo e a frutto tondo , quest ultima di limitato pregio e piccola pezzatura (3-4 g). Di recente introduzione, dall ampio patrimonio asiatico, sono le cultivar a frutto grosso (20-40 g) e inermi (per esempio, Li, Lang, Sui Men, Hu Ping Tsao, Hama Tsao, Bu Luo Su, Keumsung, Geumsung, Mooudeung). Le principali avversità sono rappresentate dalle mosche Carpomya vesuviana e C. incompleta. Le giuggiole sono in genere consumate fresche ed essiccate o anche trasformate per produrre confetture, sciroppi, dolci e liquori. Una volta avvizzite le giuggiole si conservano a lungo. Nella farmacopea popolare sono impiegate per le proprietà lenitive, antinfiammatorie, emollienti ed espettoranti. MANDORLO SCHEDA TECNICA 0180.C_Capitolo_07.indd 330 Lavorazione del suolo fresature, lavorazioni superficiali o inerbimento Sesto d impianto da 5 x 3,5 m a 7 x 6 m 3,5-4 x 1,2-1,5 (impianti superintensivi) Concimazione N: 80-100 kg/ha P2O5: 40-60 kg/ha K2O: 100-120 kg/ha MgO: 30-40 kg/ha Irrigazione quando necessario 1.500-2.000 m3/ha Portinnesti franco, pesco, susino, GF 677, Marianna 2624, Marianna GF 8/1, Rootpac-20 Raccolta agosto - settembre Produzione 1,5-2 t/ha, e oltre, di mandorle in guscio Riepilogo cultivar Falsa barese, Fascionello, Fellamasa, Ferragnes, Fragiulio grande, Francoli, Genco, Masbovera, Moncayo, Pepparudda, Pizzuta d Avola, Sannicandro, Supernova, Trianella, Tuono, Belona, Guara, Soceta, Lauranne Difesa Vedi Schema di riepilogo e note a pagina 334 Libro digitale Approfondimenti Famiglia botanica Rosaceae Il pescheto all insegna della qualità 03/04/20 10:21

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume B - Arboree