PRODUZIONI VEGETALI 

320 PRODUZIONI VEGETALI ARBOREE tassica è eseguita in autunno, oppure a fine inverno, con interramento dei concimi. Al fine di contrastare il cracking a carico dei frutti, si somministrano prodotti a base di calcio (ad esempio CaCl2). Irrigazione un fattore produttivo determinante, che diviene indispensabile negli impianti intensivi, poiché il ciliegio ha elevate esigenze idriche, soprattutto nella fase fenologica tra l indurimento del nocciolo e la raccolta. La coltivazione senza irrigazione si attua solo in zone climatiche dove la disponibilità idrica naturale è adeguata (per esempio in alcune aree del Nord Italia) e se si impiegano portinnesti tradizionali che favoriscono un ampio sviluppo degli apparati radicali. 7.76 Prima verifica in campagna della pezzatura dei frutti mediante l uso del calibro. G LOSSARY Fertirrigazione: Fertirrigation 7.77 (a) Cracking dei frutti dovuto a troppa pioggia. (b) Moniliosi su varietà di ciliegio Lapins. (c) Adulto di Rhagoletis cerasi, la mosca delle ciliegie, su frutto e larva (d) di R. cerasi all interno del frutto. (e) Drosophila suzukii, il recente e temibile parassita (moscerino della frutta) su ciliegie. a Il metodo irriguo più impiegato è lo scorrimento (in genere nei vecchi impianti), mentre più idonei risultano i metodi per aspersione sotto chioma con microjet, e per microirrigazione, che permette anche la fertirrigazione. Raccolta e conservazione Durante il periodo della maturazione e della raccolta, la pioggia può causare la spaccatura dei frutti e la diffusione di marciumi con evidente riduzione della qualità e perdita di produzione. La copertura antipioggia consente di raggiungere il giusto grado di maturazione per la raccolta della frutta, di aumentare il peso dei frutti, di migliorare le caratteristiche organolettiche, di garantire un buono stato sanitario e di aumentarne la conservabilità. Il momento ottimale di raccolta delle ciliegie da consumo fresco è per lo più individuato in modo empirico, in base al colore della buccia e all esperienza locale. Ai fini commerciali, i caratteri qualitativi di maggior interesse sono: la pezzatura (>8-9 g), la colorazione, l assenza di spaccature, la durezza (>400 g/cm2), il residuo secco rifrattometrico (può raggiungere anche i 18° Brix), l acidità (>8 g/l di acido malico) e la resistenza al trasporto e alle manipolazioni. Per stabilire l epoca di raccolta delle ciliegie destinate alla trasformazione industriale si possono considerare parametri quali la pezzatura (7.77 a), il grado zuccherino, l acidità o altri specifici indicatori in funzione del tipo di prodotto da ottenere. Le rese variano dalle 4-5 t/ha degli impianti estensivi fino alle 15-20 t/ha degli impianti intensivi. Le ciliegie da consumo fresco vengono raccolte a mano con il peduncolo; la raccolta meccanica è impiegata sporadicamente e solo per ciliegie dolci e acide destinate all industria, impiegando vibratori di varia potenza e mezzi di intercettazione rappresentati da teli o reti stesi a terra oppure montati su semoventi. In questo caso è meglio usare cultivar adatte alla raccolta meccanica nelle quali, a maturazione, si forma un setto di abscissione nella zona di inserzione del peduncolo, che impedisce la fuoriuscita dei succhi. Con le altre cultivar ma in Paesi diversi dall Italia, è consentito l uso di cascolanti. Avversità Per le avversità (7.77) che interessano la coltura, si rimanda al quadro di sintesi proposto a fine Capitolo. b d e c 0180.C_Capitolo_07.indd 320 26/03/20 18:04

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume B - Arboree