PRODUZIONI VEGETALI 

COLTURE ARBOREE DRUPACEE G LOSSARY Forma del frutto: Fruit shape Serbevolezza (frutti): Preservability (fruits) 289 Capitolo 7 atlantica degli Stati Uniti. Obiettivi minori riguardano la resistenza a bolla e oidio. Recente è l impegno del breeding per selezionare cultivar tolleranti al PPV (il virus della Sharka: Plum Pox Virus). Per quanto riguarda gli insetti, è noto un gene dominante che conferisce resistenza all afide verde. largamente utilizzato anche il gene che induce resistenza ai nematodi galligeni del genere Meloidogyne. La tecnica utilizzata nel miglioramento genetico del pesco è ancora quasi esclusivamente l incrocio intervarietale mediante emasculazione del genitore femminile e impollinazione artificiale con il polline del genitore maschile. Una certa importanza hanno anche le mutazioni spontanee, soprattutto per l epoca di maturazione e la semina di noccioli ottenuti per libera impollinazione. Aspetti qualitativi 7.37 Il confezionamento delle pesche avviene in speciali contenitori di plastica che garantiscono protezione e conservazione del prodotto: (a) varietà Elegant Lady in confezione; (b) Nettarina Venus in confezione vendita. (c) Varietà di pesca Platycarpa o pesca piatta; le varietà piatte stanno tornando in auge negli ultimi tempi. a Gli aspetti qualitativi delle pesche sono molteplici e variano in relazione alla cultivar e all espressione del suo corredo genetico. In generale, le caratteristiche che definiscono il livello qualitativo dei frutti sono: colore dell epidermide, che è tanto più apprezzato quanto più è esteso il sovracolore rosso brillante. Rappresentano eccezioni le percoche, tradizionalmente con sovracolore ridotto o assente; forma del frutto, quella più apprezzata è quella sferica con valve uguali tra loro, senza umbone, spesso causa di danni al frutto nella fase di selezione e confezionamento; dimensione, aspetto legato sia all epoca di maturazione sia ai mercati di destinazione; i supermercati preferiscono una pezzatura media (A) o medio-piccola (A-B), i dettaglianti preferiscono le pezzature medio-grandi o grandi (AA, AAA); gusto, che è sostanzialmente determinato dal contenuto in zuccheri, misurati come residuo secco refrattometrico (RSR), dal contenuto in acidità, espressa in acido malico, e dal loro rapporto. Il valore minimo di °Brix è 9, ma la percezione di sapore gradevole si ha da 10 °Brix in su, mentre invece il rapporto RSR/acidità deve essere >16; serbevolezza, che è strettamente legata alle caratteristiche genetiche della polpa e alla sua consistenza al momento della raccolta. La migliore serbevolezza si ottiene con una durezza di 5-6 kg/cm2 misurata con un puntale di 8 mm. Le cultivar con polpa aderente al nocciolo sono più serbevoli di quelle a polpa spicca. La qualità, poi, è influenzata dai fattori colturali: per esempio la concimazione azotata diminuisce la colorazione dell epidermide e aumenta la dimensione dei frutti, mentre la concimazione potassica aumenta la colorazione del frutto e anche il RSR. b 0160.A_Capitolo_07.indd 289 c 26/03/20 17:57

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume B - Arboree