Capitolo   9  

Frutticoltura minore e alternativa

CONCETTI CHIAVE

La frutticoltura minore è importante per la conservazione del patrimonio agricolo, culturale, alimentare e storico.
Contenuti: cappero, cotogno, fico, kaki, lampone, melograno, mirtillo, nocciolo, noce, pistacchio, rovo; caratteristiche botaniche e colturali, varietà, raccolta e utilizzazione.


Minor fruit farming is crucial for the agricultural, cultural, food, historical heritage.
Contents: caper, quince, fig, persimmon, raspberry, pomegranate, blueberry, hazelnut, walnut, pistachio, blackberry; botanical and farming features, varieties, harvest and uses.

91

 Aspetti introduttivi delle specie minori


Qui di seguito sono trattate molte delle specie frutticole definite specie minori e alternative ma che, territorialmente, sono state, sono o possono essere potenzialmente idonee a una loro espansione di importanza colturale ed economica. In molti casi si tratta di specie che hanno rappresentato in passato una risorsa importante (frutti antichi) per l’economia e l’alimentazione umana di certe zone (per esempio il castagno sotto la doppia veste: pianta forestale da legno, anche pregiato, e pianta alimentare i cui frutti hanno fornito sostentamento alle popolazioni montane) e continuano tutt’oggi, grazie anche alla diversificazione produttiva e alla riscoperta e valorizzazione di queste produzioni, a fornire un notevole contributo alla capacita produttiva dei tanti territori agricoli italiani. Per questo è importante conoscere, insieme alle colture più diffuse, anche tutte le potenzialità di queste specie da frutto proponibili per i vari habitat frutticoli italiani.
I fruttiferi minori inoltre mantengono da sempre un ruolo importante negli agroecosistemi, in quanto presentano peculiarità agronomiche e pomologiche molto diversificate, spesso associate a eccezionali proprietà nutraceutiche e salutistiche.
Sono piante caratterizzate da una grande variabilità genetica che purtroppo è a forte rischio di “erosione genetica”, tant’è vero che alcune di queste potrebbero estinguersi nelle proprie aree di origine. Sono piante dai molteplici impieghi che derivano da un notevole livello di biodiversità intraspecifica: forniscono produzioni alimentari e non; permettono l’utilizzo di terre marginali; garantiscono la tutela dell’ambiente e del paesaggio; contribuiscono alla diversificazione dell’agricoltura; si prestano all’utilizzo ornamentale; rappresentano la salvaguardia del patrimonio e della biodiversità naturale; si impiegano nella preparazione di derivati e composti naturali.

PRODUZIONI VEGETALI 
PRODUZIONI VEGETALI 
Volume B - Arboree