1 Aspetti introduttivi

DIFESA 1 92 AGROAMBIENTE Verde ornamentale Paesaggistico Forestale Aspetti introduttivi Il verde ornamentale ha sempre avuto un ruolo da protagonista nella storia italiana: già ai tempi di Roma antica si usavano fiori in occasione delle feste e anche i giardini delle ville erano molto apprezzati e curati. In epoca medievale gli orti conclusi dei monasteri (così si chiamavano gli orti perché di regola erano racchiusi all interno degli edifici) ebbero una notevole importanza per la conservazione di specie vegetali e le parcelle coltivate venivano protette da siepi, sistema poi ripreso con grande magnificenza nei palazzi rinascimentali. Con il Rinascimento l hortus non è infatti solo destinato alla coltivazione di piante di uso alimentare e medicinale, ma diventa luogo di svago, bellezza e armonia: ecco allora che si arricchisce di statue, fontane, laghetti, pergolati, ed è contraddistinto da una architettura ordinata e simmetrica, dove sono sempre presenti siepi che disegnano percorsi geometrici [ 1 ] e un luogo segreto protetto dalla vegetazione: nasce così il Giardino all Italiana. Questa impostazione fu presa a riferimento in tutta Europa in epoca barocca, ma in Francia venne sviluppata in forme più grandiose, ordinando la natura in una sorta di scenografia arricchita da statue, giochi d acqua e grandiose prospettive che vanno idealmente a fondersi nelle foreste circostanti [ 2 ]. Un importante aspetto della qualità della vita odierna nelle città e in ambito peri-urbano è costituito senza dubbio dal verde, inteso come l insieme di tutti quegli elementi che concorrono a determinare lo sfondo paesaggistico e rendendo fruibili ai cittadini spazi aperti e vegetati [ 3 ]. L Italia, recependo le nuove politiche ambientali promosse a livello europeo e collegandosi alla Giornata dell Albero, si è dotata di una legge (L. n. 10/2013), titolata Norme per lo sviluppo degli spazi urbani la quale, richiamandosi al Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici, intende perseguire la valorizzazione delle tradizioni legate all albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani [ 4 ]. Il verde urbano copre il 2,9% del territorio comunale dei capoluoghi, ossia una superficie di 573 milioni di metri, il che porta a una disponibilità di 31,7 di metri quadri per abitante; al verde urbano si deve poi aggiungere un ulteriore 16,6% di aree naturali protette. LIBRO DIGITALE Ambienti urbanizzati, difesa fitosanitaria e salute 1 Dopo l acquisto nel 1763 da parte dei Savoia, il Castello di Agliè (To) fu risistemato e il giardino impostato secondo il criterio della simmetria del verde con uno specchio d acqua lungo l asse longitudinale. 2 Un esempio di giardino formale con disegno architettonico prospettico è visibile presso la Reggia Reale di Venaria (To). Il recupero del complesso - in stato di grave abbandono dopo 0090.Capitolo_2_a.indd 92 che in periodo napoleonico fu trasformato in piazza d armi e successivamente usato come caserma - è stato giudicato uno dei più grandi cantieri di restauro europeo. 07/03/22 17:23

DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE
DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE