App 7 Funghi agenti di carie

DIFESA 112 AGROAMBIENTE Verde ornamentale Paesaggistico Forestale Diagnostica effettuata con le metoh diche del VTA. Ganoderma applanatum, una tra le specie più comuni, produce corpi fruttiferi spesso localizzati alla base dell albero, di consistenza broso-legnosa, di forma appiattita a mensola, con la parte superiore liscia e marrone mentre quella inferiore è bianca e porosa [ 42 ] che tende a diventare scura con l età o se stro nata. La carie è bianca (demolizione della lignina). L identi cazione della specie avviene tramite esame microscopico delle basidiospore. Biologia ed epidemiologia Il patogeno h penetra attraverso ferite e lesioni e, una volta all interno, colonizza lentamente l albero. I carpofori compaiono dopo parecchi anni dall infezione. Nel corso della progressione della malattia, cronica e poliennale, il legno di molte specie diventa bianco e circondato da un alone di colore marrone scuro e, quando il processo di deligni cazione è completato, diventa bianco con screziature e spugnoso. Le spore, molto leggere, sono facilmente disperse e diffuse dal vento, anche a chilometri di distanza, dal carpoforo che le ha prodotte; esse sono molto resistenti nello stadio quiescente. 42 I pori osservabili sulla faccia inferiore dei carpofori servono a permettere la dispersione delle basidiospore. Danni Il patogeno può h causare nel tempo infezio- ni mortali. Gli alberi affetti da carie risultano maggiormente esposti ad altre topatie. Anche le radici possono essere compromesse con il rischio di schianti improvvisi. Le essenze da legno pregiato attaccate dal fungo perdono irrimediabilmente valore e risultano invendibili come legno da ebanisteria. z Difesa I provvedimenti di lotta di tipo agronomico sono intesi a rimuovere o prevenire le condizioni favorenti la malattia (evitare di mettere a dimora le piante in terreni costipati o di approfondirle nella buca, migliorare il drenaggio, eliminare e distruggere parti infette e residui di piante attaccate e morte); quelli di tipo chimico consistono nella disinfezione con rameici delle ferite e, soprattutto nella parte basale del fusto, in trattamenti della chioma e/o per irrigazione nel terreno con metalaxil. APPROFONDIMENTO 7 Funghi agenti di carie I funghi agenti di carie sono numerosi e, come già menzionato, vengono usualmente suddivisi in patogeni che attaccano soprattutto la lignina (carie bianca) e patogeni che, viceversa, attaccano la cellulosa (carie bruna). In considerazione delle fasi dell attacco enzimatico, possono invece essere suddivisi in: funghi che agiscono inizialmente su lignina e pentosani e, successivamente, sulla cellulosa; funghi che, al contrario, disgregano prima la cellulosa e i pentosani e poi la lignina assieme ai pentosani non associati alla cellulosa; funghi che attaccano contemporaneamente lignina e cellulosa, ma in proporzioni diverse. Ad esempio, Polyporus pergamenus svolge su pioppo l azione riassunta in tabella [ 44 ]. Nelle piante forestali i funghi agenti di carie sono Basidiomycota, appartenenti prevalentemente ai generi Ganoderma, Fomes, Polyporus, Coriolus (= Trametes), Phellinus e altri. Generalmente sono piuttosto polifagi, ma alcuni sono speci ci, come Piptoporus betulinus e Inonotus hispidus. a b c Polyporus pergamenus su pioppo Lignina % Legno originario 17,5 Dopo 20 mesi di carie: Legno di colore bruno-castano 10,4 Legno di colore roseo 4,4 Legno di colore bianco 3,4 43 (a + b) Il Piptoporus betulinus è un fungo che attacca esclusivamente la betulla. (c) Inonotus hispidus è un parassita soprattutto del melo (pianta su cui è stato fotografato) e di poche altre piante tra cui il noce, il frassino e il platano. L emissione delle goccioline di essudato è un fenomeno relativamente frequente nei funghi lignicoli durante la fase di crescita del corpo fruttifero. Pentosani % 19,3 Cellulosa % 60,7 12,8 8,3 8,4 73,8 84,2 85,3 44 Attività e alterazioni di Polyporus pergamenus su pioppo. 0100.Capitolo_2_b.indd 112 09/03/22 17:30

DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE
DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE