Glossario fitopatologico

A

Abassiale (Abaxial) - Termine usato per riferirsi alla pagina inferiore della foglia (vedi adassiale).
Abbacchiatura - Operazione di raccolta delle olive mediante battitura dei rami.
Abiotico (Abiotic) - Assenza di vita (si dice di stress o danno dovuto a cause non riferibili a organismi viventi).
Abscissione (Abscission) - Caduta di foglie o altro organo per formazione di uno strato speciale di cellule alla base dell’organo che si stacca.
Acervulo (Acervulus) - Agglomerato sotto-epidermico che porta i conidi. Sono strutture fungine particolari caratterizzate dalla regolare disposizione dei conidiofori che hanno origine da una base ifale comune e risultano strettamente pressati in una sorta di palizzata.
Acido (Acid) - Sostanza che aumenta il numero di H+ (protoni) nella soluzione.
Acido nucleico (Nucleic acid) - Materiale genetico presente in tutti gli organismi viventi, comprendente DNA (acido desossiribonucleico) e RNA (acido ribonucleico).
Acido ribonucleico (abbr. RNA) (Ribonucleic acid) - Acidi nucleici composti dal ripetersi di unità di ribosio (zucchero), un gruppo fosfato e una purina (adenina o guanina) o una base pirimidinica (uracile o citosina); trascritto dal DNA e coinvolto nella sintesi delle proteine.
Acidofile (Acidophiles) - Piante che vivono nei terreni acidi.
Acquisizione (periodo di) (Acquisition) - È il tempo d’alimentazione trascorso sulla pianta sorgente d’inoculo e necessario al vettore per infettarsi e poter poi diffondere la malattia ad altre piante (virosi).
Acropeto (Acropetal) - Che si dirige dalla base verso l’apice.
Adassiale (Adaxial) - Termine usato per riferirsi alla pagina superiore della foglia.
Adattamento (Adaptation) - La tendenza di un organismo ad accordarsi con l’ambiente. Gli organismi meglio adattati hanno maggiore possibilità di sopravvivenza e di trasmettere i propri geni alla generazione successiva. È uno dei punti chiave della teoria di Darwin.
Adesione (Adhesion) - Capacità delle molecole di una sostanza di aderire a sostanze differenti.
Aerobica (Aerobic) - Si dice di reazione metabolica che avviene in presenza di ossigeno.
Aerobico (Aerobic) - Si dice di organismo che vive solo in presenza di ossigeno.
Agamica (Agamic) - Forma di propagazione senza fecondazione.
Agamico (Agamic) - Relativo alla riproduzione asessuata.
Agar (Agar) - Materiale gelatinoso derivante da alghe e usato per solidificare i mezzi di coltura liquidi; termine applicato anche al mezzo stesso.
Agente causale (Casual agent) - Organismo o fattore abiotico responsabile del verificarsi della malattia.
Allele (Allele) - Una o più forme alternative di un gene.
Allelopatia (Allelopathy) - Capacità di una specie di inibire o ostacolare la crescita di un’altra specie attraverso la produzione di sostanze tossiche.
Allessatura (Burn leaf) - Sintomatologia che conferisce all’organo colpito un aspetto come se fosse stato lessato, scottato in acqua bollente.
Alterazioni ultrastrutturali (Ultrastructural alterations- Alterazioni delle cellule, rilevabili solo al microscopio elettronico.
Alternanza di generazioni (Alternation of generations- Ciclo vitale nel quale si ha alternanza di stadio diploide multicellulare e stadio aploide. Si trova in piante, alghe e funghi.
Ambiente (Enviroment) - Insieme dei fattori abiotici (chimico-fisici) e biotici che condizionano la vita degli organismi vegetali e animali.
Amminoacido (Amino acid) - Acido organico azotato con cui vengono costruite le molecole proteiche.
Anabolismo (Anabolism) - Insieme delle reazioni cellulari in cui si formano legami e nuove molecole. In genere richiede energia attraverso reazioni di riduzione.
Anaerobico (Anaerobic) - Si dice di reazione metabolica che avviene in assenza di ossigeno.
Anamorfo (Anamorph) - Relativo allo stadio imperfetto (= asessuale) di un fungo.
Anastomosi (Anastomosis) - Contatto intimo tra parti di piante contigue, ad esempio tra radici.
Anfigonia (Amphigony) - Metodo di riproduzione sessuale in cui il gamete femminile viene fecondato dal gamete maschile.
Anfigonico (Anfigonic) - Relativo alla riproduzione sessuale.
Angiosperme (Angiosperms) - Piante con fiori.
Annuali (Annuals) - Piante che crescono e si riproducono in un anno.
Anolociclo (Anholocycle) - Ciclo biologico eteroico degli afidi in cui, se le condizioni ambientali consentono loro di sopravvivere durante l’inverno (temperature elevate e piante vegetanti), le generazioni partenogenetiche procedono con continuità. Può essere eteroico, se si sviluppa tra due o più piante ospiti, monoico se su una sola.
Antagonista (Antagonist) - Un organismo o una sostanza che limita o contrasta l’azione di un altro.
Anteridio (Antheridium) - Organo sessuale maschile (gametangio maschile) tipico di alcune famiglie.
Antesi (Anthesis) - Fase del ciclo di una pianta in cui i fiori si aprono per l’impollinazione.
Antibiosi (Antibiosis) - Attività dannosa di un organismo verso un altro organismo.
Antibiotico (Antibiotic) - Sostanza prodotta da un microrganismo che inibisce la crescita o uccide altri organismi viventi.
Anticorpi (Antibody) - Macromolecole proteiche (del tipo “globuline”) prodotte dagli organismi a sangue caldo in risposta all’incontro con un antigene e capaci di legarsi in modo specifico a esso per inattivarlo.
Antigene (Antigen) - Entità infettiva (virus, fitoplasma, batterio, fungo) o macromolecola (proteina, polisaccaride) capace di stimolare la produzione di anticorpi specifici in un organismo animale.
Antofago (Anthophagous) - Che si nutre di fiori.
Antracnosi (Anthracnose) - Malattia fungina, che comporta la formazione di lesioni necrotiche rotondeggianti, leggermente infossate nei tessuti e a margine ben definito.
Apirene (Seedless) - Frutto senza semi.
Aploidia (Haploidy) - Fase nucleare caratterizzata dalla presenza di un solo corredo cromosomico.
Aploide (Haploid) - Cellula che contiene uno solo di ciascun paio di cromosomi omologhi (n). Alla fecondazione, da due gameti aploidi si forma una cellula con un numero di cromosomi diploide.
Apomissia (Apomixis) - Sviluppo vegetativo di cellule sessuali senza copulazione.
Apomittica (Apomictic) - Pianta originata da seme non fecondato.
Apotecio (Apothecium) - Formazione propria di alcuni gruppi di funghi costituita da un ammasso stratificato e pianeggiante, o concavo, di ife dove si originano numerosi conidiofori (rami portanti conidi) brevi e molto addensati. Tipico degli Ascomycota, a forma di coppa o disco, di solito munito di peduncolo, e che porta gli aschi.
Appassimento (Reversible wilting) - Alterazione dovuta alla perdita del turgore cellulare; si tratta di un fenomeno transitorio (reversibile), dal quale le piante possono riprendersi con il ristabilirsi dell’equilibrio idrico.
Appressorio (Appressorium) - Segmento di ifa con il quale i funghi patogeni si ancorano sulla superficie dell’ospite, facilitando la fase successiva di penetrazione.
Arbusto (Bush) - Pianta a fusto legnoso, ramificato alla base e con i rami persistenti.
Asco (Ascus) - Struttura a forma di sacco contenente ascospore (in genere otto) e solitamente prodotta in un corpo fruttifero (ascocarpo).
Ascocarpo (= ascoma) (Ascocarp) - Corpo fruttifero sessuale di ascomiceti, che produce aschi e ascospore; es. apotecio, cleistotecio, peritecio.
Ascogeno (Ascogenous) - Relativo alla produzione di aschi.
Ascomiceti (Ascomycetes) - Classe di funghi, che produce spore sessuali (ascospore) all’interno di una struttura a sacco, detta asco.
Ascospora (Ascospore) - Spora sessuale prodotta all’interno degli aschi, caratteristica degli Ascomycota.
Assorbimento (Absorption) - Processo attraverso cui l’acqua e i sali minerali penetrano dal terreno nella radice e raggiungono il cilindro centrale.
Atmosfera (Atmosphere) - Insieme dei gas che circondano la Terra (78% azoto, 21% ossigeno, 0,04 anidride carbonica e gas nobili).
Ausiliari (Natural enemies) - Si intendono quegli organismi animali (artropodi) atti a contrastare le popolazioni di quelli dannosi alle piante; molti sono allevati nelle biofabbriche e confezionati per la lotta biologica, e possono essere predatori o parassitoidi.
Austorio (Haustorium) - Speciale struttura attraverso la quale l’organismo parassita entra in contatto trofico con l’ospite.
Autotrofo (Autotroph) - Organismo che sintetizza i suoi nutrienti (molecole organiche) per ricavarne energia, partendo da materiali inorganici o dall’energia luminosa.
Auxine (Auxins) - Ormoni vegetali regolatori della crescita delle piante; hanno diverse funzioni (es. stimolano la distensione cellulare).
Avirulenza (Avirulence) - Incapacità di provocare malattia.
Avvizzimento (Irreversible wilting) - Alterazione dovuta alla perdita del turgore cellulare; si tratta di un fenomeno con carattere di definitività (irreversibile), che si instaura quando la cessione di acqua oltrepassa i limiti per il mantenimento dell’integrità cellulare.
Azotofissatori (Nitrogen fixers) - Procarioti: batteri e alghe azzurre che fissano l’azoto atmosferico.

B

Basidio (Basidium) - Struttura su cui vengono prodotte all’esterno le basidiospore aploidi.
Basidiocarpo (Basidiocarp) - Corpo fruttifero sessuale di basidiomiceti.
Basidiomiceti (Basidiomycetes) - Classe di funghi caratterizzati dalla formazione di basidiospore portate da basidi.
Basidiospora (Basidiospore) - Spora sessuale pro-dotta sui basidi, caratteristica dei Basidiomycota.
Basipeto (Basipetal) - Fenomeno che tende a propagarsi nella pianta dall’apice verso la base.
Basofile (Basophiles) - Piante che vivono in terreni basici.
Batteri (Bacteria) - Organismi unicellulari appartenenti al Regno delle Monere. Hanno cellula procariote, sono fondamentali per la vita sulla Terra, ma anche agenti patogeni di malattie.
Batteri denitrificanti (Denitrificant bacteria) - Vivono in terreni poveri di ossigeno e riducono i nitrati a nitriti, ossido d’azoto e azoto elementare.
Batteri Gram negativi (Gram-negative bacteria) - Batteri che non si colorano quando sono trattati a fini diagnostici con la colorazione di Gram.
Batteri Gram positivi (Gram-positive bacteria) - Batteri che si colorano quando sono trattati con la colorazione di Gram.
Batteri nitrificanti (Nitrifican bacteria) - Vivono nel terreno e ossidano l’azoto ammoniacale a nitrito e nitrato.
Biennale (Biennial) - Pianta che completa il ciclo di vita biologico in due anni.
Biflagellato (Biflagellate) - Che ha due flagelli (es. le spore biflagellate degli agenti di “peronospora”).
Binucleato (Binucleate) - Che ha due nuclei.
Biocenosi (Biocenosis) - Insieme di esseri viventi che occupano un determinato biotopo.
Biodiversità (Biodiversity) - Diversità biologica definibile in termini di diversità genetica, di specie o di ecosistema.
Bioma (Biome) - Vasta area geografica caratterizzata da una vegetazione dominante (tundra, taiga, prateria, foresta decidua, mare).
Biomassa (Biomass) - Peso totale delle strutture viventi in una comunità (area geografica, habitat).
Biosfera (Biosphere) - Tutti gli ecosistemi della crosta terrestre (litosfera), dell’acqua (idrosfera) e dell’aria (atmosfera), in cui sono presenti organismi viventi.
Biotico (Biotic) - Termine riferito al vivente (si dice di malattie o danni causati da un organismo vivente).
Biotopo (Biotope) - Parte non vivente dell’ecosistema, caratterizzato da componenti e fattori fisico-chimici (temperatura, umidità, luce, ossigeno, sali minerali, ecc.).
Biotrofismo (Biotrophism) - Rapporto in cui un organismo vivente si sviluppa a spese di un altro organismo vivente senza necessariamente portarlo a morte.
Bulbillo (Bulbil) - Bulbo di dimensioni ridotte che, oltre a svolgere una funzione di riserva, svolge anche una funzione di riproduzione vegetativa.
Bulbo (Bulb) - Fusto sotterraneo portante gemme, in generale una apicale, con contorno di squame carnose o coriacee.

C

Callosio (callose) - Carboidrato amorfo costituente della parete cellulare.
Calloso (Callose) - Polisaccaride, simile alla cellulosa; assolve una speciale funzione fisiologica ostruendo la placca cribrosa e quindi il flusso della linfa elaborata durante il riposo vegetativo della pianta; interviene anche in risposta a danneggiamenti meccanici delle pareti cellulari.
Cancro (Canker) - Lesione necrotica localizzata in organi legnosi, derivante dalla morte del cambio e dall’alterazione e scomparsa degli elementi periferici (corteccia), in modo che risulta una ferita aperta attorno alla quale crescono spessi cuscinetti di tessuto cicatriziale, a loro volta soggetti a processi necrotici e di cicatrizzazione secondaria.
Capside (= rivestimento proteico) (Capsid) - Lo strato protettivo proteico che circonda l’acido nucleico virale.
Carboidrati (Carbohydrates) - Molecole organiche formate da carbonio, idrogeno e ossigeno, utilizzate come sorgente di energia e materiale strutturale per le cellule di tutti gli organismi.
Carie (Wood decay) - Marciume secco, che comporta la trasformazione di un tessuto compatto in una massa friabile e polverulenta, operata a carico dei tessuti legnosi a opera di Basidiomiceti.
Cariogamia (Karyogamy) - La fusione di nuclei.
Carpofago (Carpophagous) - Che si nutre di frutti.
Cascola (Fruit drop) - Caduta (di organi della fillossera) per cause non naturali.
Catabolismo (Catabolism) - Insieme delle reazioni in cui vengono distrutti i legami chimici e le molecole. In genere produce energia svolgendo reazioni di ossidazione.
Cellula (Cell) - La più piccola unità strutturale dei viventi capace di funzioni indipendenti.
Cellule di guardia (Guard cells) - Cellule specializzate dell’epidermide che affiancano gli stomi e la cui apertura (o chiusura) regola gli scambi di acqua e gas.
Cellulosa (Cellulose) - Polisaccaride formato da una lunga catena di glucosio beta. Insolubile in acqua, non digerito dall’intestino umano, è il carboidrato strutturale più grande dei vegetali.
Cenocitico (Coenocytic) - Presenza di molti nuclei in una stessa massa citoplasmatica, senza setti di divisione.
Cera (Wax) - Sostanza prodotta dalle cellule epidermiche che svolge una funzione protettiva.
Cerchi annuali (Annual rings) - Strati legnosi prodotti annualmente da una pianta arborea (gimnosperme e dicotiledoni) che, visti in sezione trasversale, formano anelli più o meno visibili a seconda della maggiore o minore differenza esistente tra i tessuti originatisi all’inizio o alla fine del periodo vegetativo; la regolarità è data dal fatto che la zona cambiale si dispone ad anello e l’accrescimento ha luogo con il formarsi di zone concentriche di legno che si sovrappongono in direzione centrifuga e zone di libro in direzione centripeta.
Cespuglio (Bush) - Pianta costituita da numerosi rami, foglie e fiori che derivano da un’unica radice e sono strettamente uniti.
Ciclo di Calvin (Calvin cycle) - Serie di reazioni biochimiche, catalizzate da enzimi, durante le quali la CO2 dell’atmosfera è ridotta e inclusa in molecole organiche. Negli eucarioti si svolge nello stroma dei cloroplasti.
Ciclo eteroico (Heteroecious cycle) - Ciclo che si svolge su due (dioico) o più piante ospiti.
Ciclo metabolico C3 e C4 (C3 and C4 methabolism- L’organicazione del carbonio avviene durante la cosiddetta “fase oscura della fotosintesi”; nel ciclo C3 si ha formazione di un metabolita a 3 atomi di C, mentre nel C4 di un composto a 4 atomi: ciò comporta differenze nell’efficienza fotosintetica e nella velocità di fotorespirazione e, quindi, diverse attitudini adattative. Le piante C4 si sono evolute in climi tropicali ad alta intensità luminosa, elevata temperatura e ridotta disponibilità di acqua.
Ciclo monoico (Monoic cycle) - Ciclo che si svolge e si completa su un solo ospite.
Ciglia (Cilia) - Organelli filamentosi che si staccano dalla membrana di alcune cellule di procarioti ed eucarioti. Spesso hanno funzione di locomozione.
Citochinine (Cytokinins) - Ormoni vegetali regolatori della crescita delle piante; agiscono in combinazione od opposizione alle auxine (tra le funzioni esercitate c’è la stimolazione della divisione cellulare).
Citoplasma (Cytoplasm) - Materiale vivo di consistenza semiliquida e viscosa all’interno della membrana cellulare.
Clamidospora (Chlamidospore) - Spora di resistenza, con funzioni di perpetuazione e riserva associate alla caratteristica resistenza agli ambienti ostili: è dotata di un ispessimento esterno (il suffisso -clamido è una parola greca che significa “mantello”).
Classe (Class) - Categoria tassonomica dei Phyla.
Cleistotecio (Cleistothecium) - Corpo fruttifero degli Ascomycota, che si presenta chiuso (il suffisso -cleistòs è una parola greca che significa appunto “chiuso”).
Clonazione (Cloning) - Coltivazione di cloni per ottenere una popolazione con uguale genotipo.
Clone (Clone) - Progenie geneticamente identica derivata da un unico individuo capostipite, per moltiplicazione agamica.
Clorofilla (Chlorophill) - Pigmento delle piante verdi che assorbe energia solare.
Cloroplasti (Chloroplast) - Organelli a forma di disco, ricoperti da una doppia membrana, presenti nelle cellule vegetali degli eucarioti. Contengono i tilacoidi in cui avviene la fotosintesi e per chemiosmosi si produce ATP.
Clorosi (Chlorosis) - Scolorazione o ingiallimento dei tessuti vegetali normalmente verdi, dovuta a mancanza o perdita di clorofilla.
Coesione (Cohesion) - Forza che tiene unite le molecole di una stessa sostanza.
Colatura (Blossom drop) - Caduta dei fiori, solitamente riferita a cause non naturali: entro certi limiti può essere fisiologica, ma se precoce e/o intensa, implica cause patologiche.
Colonia (Colony) - Crescita di un microrganismo in massa, per lo più come coltura pura.
Colonizzazione (Colonization) - Superamento, da parte del patogeno, delle barriere protettive interne e instaurazione del rapporto trofico.
Compartimentalizzazione (Compartmentalization) - Isolamento di una porzione specifica di tessuto da parte dei tessuti di barriera dell’ospite.
Compost repressivo (Supressive compost) - Compost naturalmente ricco (o anche addizionato) di microrganismi con azione antagonista verso patogeni fungini del terreno.
Comunità (Community) - Tutte le specie e le popolazioni che vivono in una determinata zona.
Concia (Seed treatment) - Trattamento fitosanitario di semi, bulbi e tuberi.
Conidio (Conidium) - Elemento agamico di diffusione dei funghi (non è mai provvisto di flagelli); analogo alle spore generate per via sessuale o gamica, viene però prodotto per via asessuata da ife modificate.
Conidioforo (Conidiophorus) - Struttura ifale che porta i conidi.
Conidiogenesi (Conidiogenesis) - La formazione di spore asessuali (conidi).
Conidiogenico (Conidiogenous) - Che produce e porta i conidi, 
Conidiomi (Conidiomata) - Strutture specializzate che producono conidi, come acervuli, picnidi, sporodochi, sinnemi.
Convergenza sintomatologica (Convergent Symptoms) - È il caso in cui agenti diversi (biotici e non) provocano su una pianta quadri clinici simili, se non addirittura identici.
Coremio (= sinnema) (Coremium) - Conidiofori aggregati a formare un fascio.
Coriaceo (Coriaceous) - Detto di foglie: tenace, flessibile e spesso circa come il cuoio.
Cormo (Corm) - Insieme dell’apparato radicale, delle foglie e del fusto delle tracheofite: costituisce lo sporofito.
Corteccia (Bark) - Regione del tronco o della radice tra l’epidermide e i fasci vascolari, formata da uno strato esterno di cellule morte (sughero) e uno più interno (floema).
Cotiledoni (Cotyledons) - Foglie trasformate presenti nei semi delle fanerogame. Contengono le sostanze di riserva per la germinazione del seme.
Creste (Mithocondrial crests) - Strutture formate dal ripiegamento della membrana interna dei mitocondri.
Cromosoma (Chromosome) - Componente essenziale del nucleo, costituito da molecole di DNA. I cromosomi contengono i geni.
Cromotropico (Chromotropic - Chromoattractive) - Significa che fa muovere per mezzo del colore: viene impiegato, ad esempio, per indicare trappole colorate che catturano gli insetti sfruttando la loro predilezione verso certi colori. Sinonimo di cromotropico è cromoattrattivo.
Cuscuta (Dodder) - Fanerogama parassita, che si riproduce per seme, senza foglie, rampicante e gialla (per mancanza di clorofilla).
Cuticola (Cuticle) - Strato ceroso idrorepellente delle cellule epidermiche di alcune parti vegetali (es. foglie).

D

Deciduo (Deciduous) - Che perde le foglie al termine del ciclo vegetativo annuale.
Densità di inoculo (Inoculum density) - Una misura del numero dei propaguli di un organismo patogeno per unità di area o di volume.
Dicarion (Dikarion) - Che ha due nuclei sessuali aploidi compatibili per cellula, che si dividono contemporaneamente.
Desossiribosio (Deoxyribose) - Zucchero a cinque atomi di carbonio presente nei nucleotidi di DNA.
Diagnosi (Diagnosis) - Identificazione di una malattia e della causa specifica che l’ha determinata.
Diagnosi ex juvantibus (Diagnosis ex juvantibus) - Diagnosi che si deduce a posteriori dall’efficacia dei rimedi specifici nei confronti di una data malattia.
Diapausa (Diapause) - Particolare stato di adattamento e rallentamento delle attività metaboliche di un organismo vivente, al limite della propria semplice sopravvivenza: ciò gli permette di superare sopravvenute situazioni ambientali sfavorevoli al proprio sviluppo.
Dicariotico (Dikaryotic) - Relativo alla fase dicarion dei funghi, ossia la fase a nuclei aploidi appaiati, ma non ancora fusi.
Dicotomico (Dichotomic) - Che si ramifica in due direzioni.
Diffusione (Diffusion) - Movimento spontaneo di particelle da una soluzione a più alta concentrazione a una a più bassa concentrazione.
Diploide (Diploid) - Cellula che contiene cromosomi omologhi (2n).
Diploidia (Diploidy) - Fase nucleare caratterizzata dalla presenza del doppio corredo cromosomico (2n).
Displasia (Dysplasia) - Alterazione del normale sviluppo.
Disseminazione (Dissemination) - Dispersione naturale dei semi di una pianta per opera di agenti atmosferici, quali il vento o l’acqua, o di animali.
Distale (Distal) - Relativo al punto opposto a quello di attacco, od origine, di un dato organo o struttura (vd. anche prossimale).
Divergenza sintomatologica (Varied Symptoms) - È il caso in cui un agente di stress produce sulle piante una gamma di sintomi alquanto diversi fra loro. 
DL50 (LD50 lethal dose 50%) - Una misura di tossicità acuta; la dose letale di un composto che causa la morte del 50% degli animali di laboratorio sottoposti al trattamento.
DNA o Acido desossiribonucleico (Deoxyribonucleic acid) -L’acido nucleico, portatore dell’informazione ereditaria, è costituito da sequenze di nucleotidi. Le unità costitutive derivano dal legame fra una base purinica, o pirimidinica, lo zucchero desossiribosio e un residuo dell’acido fosforico.
Dormienza (Dormancy) - Fenomeno per il quale i semi non germinano se non nelle condizioni e nella stagione adatta; è legato a fattori intrinseci del seme.

E

Echinulato (Echinulate) - Con superficie cosparsa di minuscole sporgenze.
Ecidio (Aecium) - Corpo fruttifero proprio dei funghi agenti di “ruggine”, nel quale vengono prodotte le prime spore dicariotiche (ecidiospore).
Ecidiosori (Aeciospores) (Aecia) - Organi riproduttivi sessuati delle ruggini che erompono dalla pagina inferiore della foglia e diffondono le ecidiospore.
Ecidiosoro (Aecium) - Agglomerato che porta le ecidiospore.
Ecidiospora (Aeciospore) - Spora dicariotica che si forma nel ciclo delle ruggini.
Ectofago (Ectophagous) - Che parassitizza rimanendo all’esterno del corpo della vittima.
Edema (= intumescenza) (Intumescence) - Gonfiori prodotti sulle foglie e altre parti vegetali in condizioni di elevata umidità e scarsa traspirazione.
Elicitore (Elicitor) - Segnale molecolare che, se rilasciato da un patogeno, provoca una risposta di difesa biochimica/metabolica da parte dell’ospite.
ELISA (Enzime Linked Immunosorbent Assay) - Metodo diagnostico immunoenzimatico che utilizza anticorpi monoclonali o policlonali.
Embrione (Embryo) - Zigote dopo l’inizio della mitosi che porta a una struttura multicellulare.
Emolinfa (Hemolymph) - Liquido di natura sanguigna che irrora direttamente tutti gli organi e i tessuti dell’insetto e svolge le stesse funzioni del sangue negli animali superiori.
Enazione (Enation) - Proliferazione anormale sulla superficie di un fusto o di una foglia.
Endemia (Endemic) - Diffusione sporadica di una malattia. In questa situazione, ospite e agente patogeno coesistono nell’ambiente in un equilibrio relativamente stabile.
Endemico (Endemic) - Relativo a un livello basso e regolare della diffusione naturale della malattia.
Endoderma (Endodermis) - Strato di cellule all’interno della radice, fra il tessuto vascolare e la corteccia.
Endofago (Endophagous) - Che parassitizza rimanendo all’interno del corpo della vittima.
Endofitofagia (Endophytophagy) - Si dice in relazione a parassita animale che si alimenta di una pianta penetrando al suo interno.
Endosimbiosi (Endosymbiosis) - Simbiosi in cui un organismo vive all’interno di un’altra specie con mutuo vantaggio.
Endoterapia (Endotherapy) - Trattamento fitoiatrico mediante iniezioni al tronco di prodotti fitosanitari.
Enzima (Enzyme) - Proteina che catalizza una specifica reazione biochimica.
Epicotile (Epicotyl) - Porzione del fusto di una plantula al di sopra del punto di inserzione dei cotiledoni (vedi ipocotile).
Epidemia (Epidemic) - Diffusione della malattia a un gran numero di individui (nel caso delle piante è preferibile il termine epifizia).
Epidemico (Epidemic) - Generale e grave esplosione della malattia.
Epidemiologia (Epidemiology) - Studio dei fattori che causano l’instaurarsi e l’evolversi di un’epidemia.
Epidermide (Epidermis) - Strato di cellule esterno, chiamato anche tessuto tegumentale esterno, che riveste la pianta.
Epifita (Epiphyte) - Si dice di pianta che si sviluppa su altre piante (causandone a volte sofferenza, per cui si parla anche di malattie epifitiche).
Epifitia (Epiphytia) - Malattia delle piante a carattere epidemico.
Epifitismo (Epiphytism) - Rapporto in cui un organismo vivente si sviluppa sulla superficie di un altro organismo vivente, senza entrare in intimo contatto e senza necessariamente portarlo a morte.
Epigeo (Epigeal) - Parte della pianta che si sviluppa sopra la superficie del terreno.
Epinastia (Epinasty) - Anormale arricciamento verso il basso di una foglia.
Eradicazione (Eradication) - Intervento drastico tendente a eliminare una malattia di nuova introduzione in un territorio: prevede la distruzione di tutte le piante infette e di quelle con sospetta infezione (può essere resa obbligatoria per legge).
Erbaceo (Herbaceous) - Si dice del tronco di piante non legnose.
Ermafrodita (Hermaphrodite) - Fiore che presenta sia le strutture riproduttive maschili sia quelle femminili.
Esclusione (Exclusion) - Si tratta di interventi finalizzati a prevenire l’introduzione di un parassita e, quindi, a mantenerlo “al di fuori” (dall’area di coltivazione, da una regione geografica, da un continente, ecc.); il principio si applica nei casi in cui l’organismo nocivo non sia presente in un determinato contesto.
Estivazione (Aestivation) - Periodo di rallentamento delle attività metaboliche (diapausa) allo scopo di superare condizioni sfavorevoli estive (alte temperature, scarsità di acqua).
Esuli (o virginogenie) - Con riferimento al ciclo biologico degli afidi: generazioni partenogenetiche di individui che nascono e si sviluppano sull’ospite secondario, discendenti dalle fondatrigenie alate migranti.
Età (Instar) - Periodo di sviluppo post-embrionale di uno stadio pre-immaginale intercorrente tra una muta e la successiva.
Eterocariosi (Heterokaryosis) - Fenomeno che consente nei funghi, in assenza di una sessualità evidente, di ottenere variabilità genetica mediante unione di ife e relativo materiale nucleare appartenente a individui diversi.
Eteroico (Heteroecious) - Si dice di ciclo biologico di un organismo vivente che si svolge e si completa su due o più piante ospiti.
Eterotopo - Termine per indicare che il ciclo del fitofago si svolge su apparati diversi della pianta, ad esempio tra fillosfera e rizosfera.
Eterotrofo (Heterotroph) - Organismo incapace di sintetizzare la sostanza organica (vd. anche autotrofo).
Etilene (Ethylene) - Idrocarburo gassoso che funge da ormone delle piante. Agisce stimolando la maturazione dei frutti.
Eucariote (Eukaryote) - Tipo di cellula presente in molti organismi (protisti unicellulari, funghi pluricellulari, piante e animali). È caratterizzata da nucleo e da organuli delimitati da membrana.
Eucariotico (Eukaryotic) - è detto di un organismo animale o vegetale le cui cellule sono caratterizzate da una netta delimitazione tra nucleo e citoplasma (vedi procariotico).
Evoluzione (Evolution) - Cambiamenti nella specie da una generazione alla successiva in seguito a mutazioni, isolamento, accoppiamento non casuale, deriva genetica e selezione.
Extracellulare (Extracellular) - Al di fuori della cellula.
Eziologia (Etiology)- Studio o individuazione delle cause di una malattia.

F

Famiglia (Family) - Termine tassonomico applicato a categorie all’interno degli ordini.
Fanerogame parassite (Parasitic phanerogams) - Piante superiori che, per mancanza di clorofilla o di radici, vivono a spese di altre piante, non essendo capaci di vita autotrofa.
Fasciazione (Fasciation) - Rami saldati lateralmente in strutture nastriformi; è causata dal fenomeno della blastomania (contemporanea attivazione di gemme dormienti).
Fascio vascolare (Vascular bundle) - Gruppi di cellule di xilema, floema e cambio, nel fusto dei vegetali, che formano tessuti di conduzione.
Fattore limitante (Limiting factor) - Qualsiasi parametro che rallenti lo sviluppo di un organismo o di un ecosistema.
Fecondazione (Fertilization) - Fusione di due gameti per produrre lo zigote che sviluppa un nuovo individuo, con eredità genetica derivata da entrambi i genitori.
Ferita (Lesion) - Soluzione di continuità, che si crea in un tessuto o in un organo a seguito di una azione traumatica.
Fermentazione (Fermentation) - Degradazione di sostanze organiche in assenza di ossigeno a opera di microrganismi ed enzimi.
Feromoni (Pheromones) - Sostanze chimiche, rilasciate in particolare dagli insetti, in grado di produrre una risposta di vario, ma determinato tipo su altro individuo (es. di richiamo sessuale, di aggregazione, di allarme).
Fillodia (Phillody) - Trasformazione degli organi fiorali in foglie.
Fillofago (Phyllophagous) - Che si nutre delle foglie.
Filloptosi (Defoliation) - Caduta delle foglie.
Fillosfera (Phyllosphere) - La parte della pianta data dalla chioma (foglie e organi aerei).
Fillotassi (Phillotaxis) -Disposizione delle foglie sul ramo.
Fiore (Flower) - Struttura riproduttiva delle Angiosperme in cui si producono i gametofiti.
Fitoalessine (Phytoalexin) - Sostanze prodotte in piante superiori in risposta a stimoli chimici, fisici e biologici, che inbiscono la crescita di alcuni microrganismi.
Fitopatia (Phytopathy) - Malattia delle piante.
Fitoplasmi (Phytoplasmas) - Piccoli organismi associati a batteri privi di parete cellulare, della classe Mollicutes, responsabili anche di alcune malattie delle piante.
Fitoplasmosi (Phytoplasmosis) - Malattia delle piante causata da fitoplasmi.
Fitotossico (Phytoxic) - Che è dannoso per le piante.
Fittone (Tap-root) - Radice principale che cresce verticalmente verso il basso emettendo piccole radici laterali. È presente nelle dicotiledoni.
Flagelli (Flagella) - Organuli lunghi e sottili che assolvono la funzione locomotoria, presenti nelle cellule procarioti e in alcune cellule eucariote.
Floema (Phloem) - Tessuto del sistema vascolare della pianta che trasporta zuccheri e altri prodotti della fotosintesi dalle foglie alle altre regioni della pianta. È composto da elementi del tubo cribroso e da cellule transfer parenchimatiche e fibre.
Flusso apoplastico (Apoplastic flow) - Flusso dei liquidi attraverso gli spazi intercellulari.
Flusso simplastico (Symplastic flow) - Flusso dei liquidi attraverso citoplasmi e plasmodesmi, che sfrutta i diversi gradienti di concentrazione delle cellule.
Foglia (Leaf) - Uno dei principali organi della pianta, in cui avviene la fotosintesi.
Fondatrice (fondatrigenie) (Fundatrix) - Con riferimento al ciclo biologico degli afidi: femmina partenogenetica, quasi sempre attera e virginopara, che nasce dall’uovo durevole.
Fondatrigenia - Con riferimento al ciclo biologico degli afidi: femmina nata dalla fondatrice; partenogenetica; può essere attera (cioè senza ali) oppure alata migrante in grado di trasferirsi sull’ospite secondario.
Forma specialis (Forma specialis) - Una variante all’interno di una specie (si usa in particolare per i funghi) caratterizzata da una speciale patogenicità verso dati ospiti (abbreviazione f.sp.).
Fotosintesi (Photosynthesis) - Processo con cui le piante utilizzano energia solare per produrre energia chimica.
Fotosistema (Photosystem) - Insieme di centinaia di molecole di pigmenti in un tilacoide in cui ha luogo la fotosintesi.
Fototrofi (Phototrophs) - Organismi che usano la luce solare come sorgente di energia (Cianobatteri, Alghe, Piante).
Fototropismo (Phototropism) - Reazione delle piante allo stimolo luminoso.
Fruttiferi (Fruit-bearing trees) - Piante che producono frutti mangerecci: melo, pero, pesco, albicocco, susino, ciliegio, cotogno, fico, gelso, fragola, lampone, kaki, melograno, nespolo, ribes comune, ribes nero, sorbo, uva spina, actinidia, mandorlo, nocciolo, noce, pistacchio.
Fumaggini (Sooty molds) - Formazioni fungine epifite di aspetto fuligginoso, che ricoprono la superficie degli organi epigei (specie foglie) di moltissime piante.
Fumigante (Fumigant) - Gas, o sostanza volatile, utilizzato per uccidere o inibire la crescita di microrganismi o altri agenti nocivi.
Funghi (Fungi) - Organismi eucarioti, eterotrofi, privi di clorofilla, absorbotrofici, la cui struttura somatica è costituita, con alcune eccezioni, da elementi tubolari (ife), il cui insieme prende il nome di micelio (soma o tallo fungino).
Fungicida (Fungicide) - Detto di agente chimico che uccide i funghi.
Fungistatico (Fungistatic) - Detto di agente chimico che inibisce la crescita di un fungo o la sporulazione, ma non ne causa la morte.
Funicolo (Funicle) - Punto di inserzione del seme sul margine di sutura dei carpelli.

G

Galla (Gall) - Rigonfiamento di cellule tumorali di varia forma e dimensione che si forma come reazione in seguito alla puntura di un insetto, che utilizza le parti di quella pianta per deporvi le uova. Esse si possono formare sulle foglie, ma anche su rami radici e fiori.
Gametangi (Gametangia) - Strutture costituite da uno strato sterile entro cui si sviluppano i gameti.
Gameti (Gametes) - Cellule riproduttive aploidi.
Gametofito (Gametophyte) - Organo portante i gameti. Stadio aploide di una pianta che, presentando generazioni alternate, genera gameti durante la mitosi.
Gemmazione (Gemmation) - Processo di riproduzione asessuata, in cui il nucleo della cellula si sposta verso la membrana, si distende, si divide, dando origine a una piccola gemma sulla superficie della cellula; questa cresce rapidamente per dare origine a una cellula-figlia.
Gene (Gene) - Unità all’interno di un organismo che controlla i caratteri ereditari; i geni sono organizzati in cromosomi.
Genere (Genus) - Categoria tassonomica all’interno delle famiglie; è composto da una o più specie.
Genoma (Genome) - La completa informazione genetica di un organismo.
Genotipo (Genotype) - Costituzione genetica di un organismo.
Geotropismo (Geotropism) - Risposta delle piante allo stimolo di gravità. Le radici che crescono verso il basso presentano geotropismo positivo; i germogli che crescono verso l’alto geotropismo negativo.
Germinazione (Germination) - Momento in cui il seme comincia a crescere, sviluppando successivamente radice e germoglio.
Germoglio (Shoot) - Ramo che si sviluppa in seguito all’apertura di una gemma.
Giallume (Yellows) - Ingiallimento parziale o totale di organi verdi della pianta, talvolta accompagnato da fenomeni di atrofia.
Gibberelline (Gibberellins) - Ormoni regolatori della crescita della piante; influiscono sulla divisione cellulare e in particolare sulla fioritura e sulla dormienza.
Gineceo (Gynoecium) - Termine che comprende il pistillo di un fiore.
Ginopara (Gynopara) - Femmina alata, si riproduce per partenogenesi generando femmine anfigoniche attere.
Glabro (Glabrous) - Sprovvisto di peli.
Glauco (Glaucous) - Di colore tra il grigio-azzurro e il verde.
Globoso (Globous) - Sferico.
Glucosio (Glucose) - Zucchero a sei atomi di carbonio. È la sorgente di energia più comune.
Gomma (Gummosis) - Sostanza gelatinosa, rigonfiabile e parzialmente solubile in acqua derivante dalla trasformazione degli zuccheri in pentosani; si parla di “gommosi” in senso patologico, quando il materiale di degenerazione viene prodotto in quantità imponente.
Gnastoma (Gnatosoma) - Parte anteriore del corpo degli acari, dove sono inseriti cheliceri, pedipalpi e vari pezzi componenti l’apertura boccale.

H

Habitat (Habitat) - Luogo in cui vive un organismo.
Habitus (Habitus) - Aspetto riferito a un organo o a una parte.
Humus (Humus) - Parte della sostanza organica del suolo che deriva da complesse trasformazioni dei residui di origine vegetale e animale.

I

IAA (Indoleacetic acid) - Acido indolacetico.
Ialino (Hyaline) - Incolore, trasparente.
IBA - Acido indolbutirrico.
Idiosoma (Idiosoma) - Parte posteriore del corpo degli insetti acari, equivalente complessivamente a torace, addome e porzione del capo contenente cervello e occhi.
Idrofilo (Hydrophilic) - “Che ama l’acqua”. Si dice di molecole polari che possono formare legame idrogeno con l’acqua.
Idrofobo (Hydrophobic) - “Che teme l’acqua”. Si dice di molecole apolari che non formano legami con l’acqua.
Ifa (Hypha) - Unità costitutiva elementare del tallo dei funghi; le ife sono strutture filamentose, che aumentano di lunghezza per accrescimento apicale e sono in grado di generare nuove strutture analoghe per ramificazione laterale; possono presentare pareti trasversali con una piccola apertura al centro (ife settate) oppure esserne prive (ife non settate).
Ifa di penetrazione (sin. stiletto) (Penetration peg) - Specializzato, stretto e appuntito filamento ifale, che si differenzia sulla parte inferiore dell’appressorio ed è adibito alla penetrazione della cuticola e della parete delle cellule ospiti.
Immune (Immune) - Pianta che per le sue caratteristiche intrinseche non può essere infettata da un patogeno specifico. Il termine opposto è “infettabile”.
Immunizzazione (Immunization) - Immissione per via parenterale di un antigene in un animale a sangue caldo per ottenere i relativi anticorpi.
Impollinazione (Pollination) - Trasferimento del polline dalle antere allo stimma grazie a un agente impollinatore come il vento, gli insetti, gli uccelli o, in alcuni casi, la stessa apertura del fiore.
In vitro (In vitro) - In coltura artificiale.
In vivo (In vivo) - Sull’ospite vivente.
Incubazione (Incubation) - Periodo o fase della malattia intercorrente tra la penetrazione del patogeno/infezione e la comparsa del sintomo primario.
Infezione (Infection) - L’atto di insediamento del patogeno nella pianta ospite.
Infezione latente (Latent infection) - Infezione non accompagnata da effetti macroscopici.
Infezione secondaria (Secondary infection) - Infezione risultante dalla diffusione del materiale infettivo prodotto dopo l’infezione primaria o dall’infezione secondaria senza l’intervento di un periodo inattivo.
Infiorescenza (Inflorescence) - Insieme di fiori di piccole dimensioni disposti sull’asse fiorale.
Infiorescenza definita o cimosa (Determinate inflorescence) - Infiorescenza in cui l’asse principale si arresta producendo un fiore terminale e nuovi assi che, a loro volta, si arrestano producendo un solo fiore e così di seguito.
Infiorescenza indefinita o racemosa (Indeterminate inflorescence) - Infiorescenza in cui l’asse principale si allunga indefinitivamente producendo fiori lateralmente.
Innesto (Graft) - Propagazione agamica consistente nell’unire due piante, o porzione di esse, di cui una fornisce la parte radicale (portinnesto) e l’altra la parte aerea fornita di gemme (marza).
Inoculazione (Inoculation) - Applicazione dell’inoculo a una pianta (non necessariamente seguita da infezione).
Inoculo (Inoculum) - Ammasso critico di elementi infettanti capace di provocare infezione.
Inoculo iniziale (= inoculo primario) (Primary inoculum) - Inoculo, in genere derivante da una forma svernante, responsabile dell’inizio della malattia in campo durante la stagione vegetativa.
Inoculo secondario (Secondary inoculum) - Inoculo prodotto da un’infezione che si realizza durante la stessa stagione di crescita.
Invasione (Invasion) - Passaggio del patogeno (fitoplasma, virus) dalla cellula infetta ad altre cellule (può portare o no alla comparsa di sintomi visibili).
Ipogeo (Hypogeal) - Organi di una pianta posti sotto terra.
Iperplasia (Hyperplasia) - Esagerata moltiplicazione delle cellule.
Ipersensibile (Hypersensitive) - Estremamente sensibile; spesso si riferisce a una reazione estrema a un patogeno.
Ipertrofia (Hypertrophy) - Sviluppo abnorme delle cellule.
Ipocotile (Hypocotyl) - Porzione di fusticino al di sotto dei cotiledoni e sopra la radice (vedi epicotile).
Ipovirulenza (Hypovirulence) - Ridotta capacità di provocare malattia.
Isolamento (Isolation) - Prelievo del patogeno dall’ospite e suo ottenimento in coltura pura.


Lamella mediana (Middle lamella) - Lo strato, prevalentemente costituito da sostanze pectiche, tra le pareti di cellule vegetali. 
Lamina fogliare (Lamina) - Parte appiattita delle foglie, portata solitamente dal picciolo. 
Lancio inoculativo (Inoculative release) - Particolare tecnica utilizzata in lotta biologica per la salvaguardia, preservazione e introduzione degli organismi utili. 
Legge di Liebig (Liebig’s law) - Il fattore che limita la crescita è costituito dall’elemento nutritivo presente in quantità minore rispetto al fabbisogno quando gli altri sono presenti in misura adeguata. 
Legno (Wood) - Strato più interno del fusto, composto di xilema. 
Lenticella (Lenticel) - Un’apertura naturale sulla superficie di un fusto, tubero, frutto o radice adibita agli scambi gassosi. 
Lesione meccanica (Mechanical injury) - Lesione di una parte di pianta dovuta ad abrasione, mutilazione o ferimento. 
Letame (Manure, dung) - Concime fondamentale in agraria, ottenuto per decomposizione delle deiezioni animali (solide e liquide). Libro (Phloem) - Strato esterno del fusto, composto da floema. 
Lignificazione (Lignification) - Modificazione della parete cellulare per incrostazione prodotta dalla lignina (polimero di vari derivati degli acidi cinnamici). 
Lignina (Lignin) - Sostanza organica complessa o insieme di sostanze, che impregnano le pareti cellulari dei vasi xilematici e di altre cellule vegetali; origina il legno. 
Lipidi (grassi) (Fats) - Classe di macromolecole organiche con funzione di riserva. Comprendono gliceridi (oli e grassi), cere, steroidi. Liste di allerta (Alert list) - Elenchi di parassiti animali e vegetali delle piante di potenziale pericolosità, stilati da un organismo europeo di vigilanza (EPPO), già presenti o a rischio di importazione nei Paesi aderenti all’EPPO.


Macrociclico (Macrocyclic) - Detto di fungo agente di “ruggine”, che possiede tutti e cinque gli stadi del ciclo vitale.
Macronutrienti (macroelementi) (Macroelements) - Elementi di cui hanno bisogno le piante in quantità relativamente grandi (primari: azoto, fosforo, potassio) o più piccole (secondari: calcio, magnesio, zolfo). 
Marciume (Rot) - Modifica della consistenza dei tessuti, dovuta al disfacimento delle pareti cellulari (della lamella mediana, in particolare), che divengono: molli e acquose (marciume molle o cancrena), asciutte e compatte (marciume secco o mummificazione), asciutte e friabili (carie, se profonde, e scabbia, se superficiali). 
Marciume molle (Soft rot) - Modificazione della consistenza dei tessuti, dovuta al disfacimento delle pareti cellulari (della lamella mediana, in particolare), che divengono molli e acquose. 
Margotta (Marcottage) - Propagazione agamica consistente nel provocare l’emissione di radici da una porzione della pianta senza staccarla da questa. 
Megaspora (Megaspore) - Spora aploide che si sviluppa nel gametofito femminile. 
Meiosi (Meiosis) - Divisione cellulare attraverso la quale da una cellula diploide si formano quattro cellule aploidi. Produce gameti o spore. 
Membrana cellulare (Cell membrane) - Struttura che circonda una cellula e controlla il movimento delle sostanze verso l’interno e l’esterno di essa. 
Meristema (Meristem) - Tessuto vegetale indifferenziato formato da cellule che si dividono rapidamente, da cui nascono nuovi tessuti. Meristema apicale (Apical meristem) - Tessuto vegetale indifferenziato al vertice di un germoglio o di una radice, responsabile della crescita della pianta in lunghezza. 
Meristema secondario (Secondary meristem) - Tessuto vegetale indifferenziato responsabile dell’accrescimento secondario (laterale): cambio e fellogeno. 
Mesocarpo (Mesocarp) - Tessuto mediano del frutto, generalmente carnoso o legnoso. 
Mesofillo (Mesophyll) - Strato di tessuto fogliare tra gli strati di epidermide. 
Metabolismo C3 e C4 (C3 and C4 methabolism) - L’organicazione del carbonio avviene durante la cosiddetta fase oscura della fotosintesi: nel ciclo C3 si ha la formazione di un metabolita a 3 atomi di C, mentre nel C4 di un composto a 4 atomi, fatti che comportano differenze nell’efficienza fotosintetica e nella velocità di fotorespirazione, quindi diverse attitudini adattative: le piante C4 si sono evolute in climi tropicali ad alta intensità luminosa, elevata temperatura e ridotta disponibilità di acqua. 
Metamorfosi (Metamorphosis) - Trasformazioni di radici, fusto, foglie, per adattamenti all’ambiente e per nuove funzioni. 
Micelio (Mycelium) - Insieme delle ife costituenti la struttura somatica del fungo. 
Micologia (Mycology) - Lo studio dei funghi. 
Micoplasmi (Mycoplasmas) - Batteri privi della parete cellulare, della classe Mollicutes, agenti causali di malattie dell’uomo e degli animali. 
Micorrize (Mycorrhizae) - Associazioni fra alcuni funghi e le radici di quasi tutte le piante superiori. Si formano quando un fungo (basidiomicete o zigomicete) circonda le radici o vi entra e instaura una relazione simbiotica (le ife del fungo assorbono minerali dal terreno e le passano alla pianta, che poi cede carboidrati al fungo). 
Micovirus (Mycovirus) - Virus che infetta i funghi. 
Microclima (Microclimate) - Clima locale contrapposto al macroclima determinato dalla presenza di peculiari elementi topografici e ambientali. 
Microfillia (Microfillia - small leaves) - Rimpicciolimento delle foglie. 
Micronutrienti (Micronutrients) - Elementi di cui le piante hanno bisogno in piccole quantità, ma che sono tossiche in quantità maggiore: manganese, molibdeno, boro, zinco. 
Micropropagazione (Micropropagation) - Moltiplicazione in vitro, su substrati artificiali, degli apici meristematici vegetativi di una pianta, seguita da un periodo di adattamento sul terreno delle giovani piante radicate. 
Microrganismo (Microorganism) - Organismo di così piccola dimensione che può essere osservato solo attraverso il microscopio ottico. 
Mitocondrio (Mitochondrion) - Organello subcellulare situato fuori dal nucleo, sede della respirazione. 
Mitosi (Mitosis) - Divisione del nucleo e del materiale cellulare. Consta di quattro stadi: profase, metafase, anafase e telofase. 
Mollicuti (Mollicute) - Gruppo di organismi procarioti delimitati da membrane e mancanti di pareti cellulari (vedi fitoplasmi). Monocoltura (Monoculture) - Sviluppo di una sola specie in una data area. 
Monocotiledoni (Monocotyledons) - Uno dei due più importanti tipi di Angiosperme, caratterizzato da un unico cotiledone nel seme. Monofago (Monophagous) - Si dice di organismo nocivo capace di attaccare un solo ospite.
Monoica (Monoecious) - Pianta che porta sullo stesso individuo fiori unisessuali, maschili e femminili.
Morfologico (Morphologic) - Attinente alla forma.
Mosaico (Mosaic) - Sintomo costituito da aree clorotiche distribuite sulla lamina fogliare, alternate con aree a colorazione normale. Di solito, è di origine virale.
Mutazione (Mutation) - Una brusca, ereditabile modificazione genetica, come risultato di un’alterazione in un gene o cromosoma o di un incremento del numero dei cromosomi.
Mutualismo (Mutualism) - Tipo di simbiosi in cui i simbionti traggono reciproci vantaggi dalla convivenza.


Obbligato (Obligate parasite) - Si dice di parassita che può vivere unicamente su un altro organismo vivente. 
Ocellatura (Eyeball spot) - Macchia a forma di occhio. 
Olociclo (Holocycle) - Quando nel ciclo biologico (con riferimento agli afidi) compare la generazione anfigonica, destinata a generare le forme svernanti. 
Ombrella (Umbel) - Infiorescenza rotonda o appiattita in cui i singoli peduncoli si dipartono da un punto centrale. 
Omotopo - Termine per indicare che il ciclo del fitofago si svolge su un solo apparato della pianta (ad esempio quello fogliare). Oofago (Oophagous) - Parassita che si nutre delle uova. 
Oogonio (Oogonium) - Gametofangio femminile degli Oomiceti, contenente uno o più gameti. 
Oomiceti (Oomycetes) - È detto di pseudofunghi appartenenti al regno dei Chromista, al phylum degli Oomycota e alla classe degli Oomycetes, nella quale sono compresi gli agenti di peronospora; sono caratterizzati dalla presenza di micelio non settato, di zoospore flagellate prodotte in zoosporangi e di oospore prodotte dall’unione di due gameti di segno e forma diversi (anteridio e oogonio). Oosfera (Oosphere) - Gamete femminile o macro-gamete, contenuto all’interno dell’ovulo o dell’archegonio. 
Oospora (Oospore) - Particolare tipo di spora durevole, presente nel ciclo sessuale di taluni pseudo-funghi, deputata alla propagazione e conservazione della specie. 
Ordine (Order) - Categoria tassonomica delle classi. 
Organismi da quarantena (Quarantine organisms) - Parassiti animali e vegetali delle piante per i quali sono previste misure speciali di controllo; vengono segnalati dalla EPPO (vd. liste di allerta). 
Organismo (Organism) - Individuo composto da un sistema di organi (se pluricellulare). Più organismi formano una popolazione. Organuli (Organelle) - Componenti cellulari con funzioni caratteristiche: nucleo, cloroplasti, mitocondri. 
Ormoni (sin. regolatore di crescita) (Hormones) - Sostanze chimiche secrete in una parte dell’organismo, che regolano la funzione di altri organi o tessuti. 
Ortive (coltivazioni) (Horticultural crops) - Coltivazioni di piante erbacee praticate sia in pieno campo che in serra, come legumi freschi, ortaggi, pomodoro, aglio, asparago, basilico, bietola, rapa, cardo, carota, cavolfiore, ecc. 
Osmosi (Osmosis) - Diffusione delle molecole d’acqua attraverso una membrana in risposta a differenti concentrazioni di soluto. L’acqua muove dalla soluzione più diluita a quella più concentrata. 
Ospite alternativo (Alternative host) - Ospite sul quale il parassita può svilupparsi, diverso da quello abituale. 
Ospite alternato (Alternate host) - Ospite (detto anche secondario) diverso da quello cosiddetto principale (o primario), necessario tuttavia al parassita per completare il suo ciclo. 
Ospite differenziale (Differential host) - Una pianta ospite che sulla base dei sintomi della malattia serve a distinguere i vari ceppi o razze di un dato patogeno vegetale. 
Ostiolo (Ostiole) - Apertura nel collo di un peritecio, pseudotecio o picnidio attraverso la quale vengono rilasciate le spore (o conidi). Ovario (Ovary) - Nella struttura riproduttiva del fiore, è la parte inferiore del pistillo che contiene gli ovuli in cui si sviluppa il gametofito femminile.


Pagina fogliare (Upper surface/lower surface) - È così chiamata la superficie inferiore o superiore della lamina fogliare. 
Pandemia (Pandemic) - Diffusione su larga scala di un’epidemia (a livello mondiale). 
Pandemico (Pandemic) - Detto dell’esplosione diffusa e distruttiva di una malattia simultaneamente in molti Paesi. 
Pannocchia (Ear) - Sorta di racemo ramificato. 
Pappo (Pappus) - Appendice piumosa di cui sono muniti i semi di alcune specie vegetali. 
Parassita (Parasite) - Organismo che vive a spese di un altro organismo. 
Parassita facoltativo (Facultative parasite) - Saprofita (vd.) che in date condizioni diventa parassita. 
Parassita obbligato (Obligate parasite) - Parassita incapace di vivere al di fuori del suo ospite (non cresce su terreno artificiale di coltura). 
Parassita (organismo) da quarantena (Quarantine organism) - Organismo ritenuto altamente dannoso e soggetto a specifiche regolamentazioni normative a livello internazionale. 
Parassitoide (Parasitoid) - Organismo animale (vd. ausiliari) che svolge azione antagonista verso specie dannose parassitizzandole. Parenchima a palizzata (Palisade parenchyma) - Tessuto, che si trova sotto l’epidermide delle foglie, costituito da cellule allungate poste verticalmente come colonne così da fortificare il mesofillo. 
Parete cellulare (Cell wall) - Struttura presente in alcune cellule, esterna alla membrana cellulare, composta da chitina (funghi), peptoglicano (batteri) e cellulosa (piante). 
Partenocarpia (Parthenocarpy) - Fruttificazione senza impollinazione. 
Partenogenesi (Parthenogenesis) - Modalità di riproduzione (di alcune piante e animali inferiori) che avviene senza fecondazione da parte del maschio (partenos è un vocabolo greco che significa “vergine”). 
Patogenicità (Pathogenicity) - Capacità di indurre la malattia. 
Patogeno (Pathogen) - Microrganismo capace di causare malattia. 
Patogeno sistemico (Systemic pathogen) - Patogeno che invade in modo generalizzato gli organi della pianta. 
Patogeno tellurico (Telluric pathogen) - Patogeno che vive nel terreno e aggredisce l’ospite a livello della rizosfera. 
Patologia vegetale (Plant pathology) - Scienza che studia le malattie delle piante prodotte da virus, fitoplasmi, batteri, funghi, protozoi, fanerogame parassite e cause abiotiche. 
Patovar (Pathovar) - Varietà patologica di un patogeno (abbreviazione pv.) che si differenzia in base al tipo di ospite (si impiega in particolare per i batteri). 
Pectina (Pectin) - Polimero metilato di acido galatturonico presente nella lamella mediana e nella parete cellulare delle piante. Pedofauna (Pedofauna) - Insieme degli organismi animali che vivono nel terreno. 
Penetrazione (Penetration) - Superamento da parte del patogeno delle barriere protettive esterne. 
Pentosani (Pentosans) - Carboidrati derivanti dalla condensazione di molecole di glucidi a 5 atomi di carbonio (pentosi) presenti nelle emicellulose e fibre vegetali. 
Periodo di latenza (Latent period) - Intervallo di tempo che intercorre fra l’acquisizione (del virus o del fitoplasma) da parte del vettore animale e il momento in cui quest’ultimo è in grado di inocularlo in una pianta. 
Peritecio (Perithecium) - Corpo fruttifero a forma di fiasco degli Ascomycota: può essere totalmente chiuso oppure presentare un foro in posizione apicale e avere o meno una parete aggiunta. 
Pertofita - Patogeno capace di vivere anche come saprofita. 
pH - È il logaritmo negativo della concentrazione in ioni H+ di una soluzione. Assume valori da 0 a 14. Da 0 a 6 è acido, a 7 è neutro, da 8 a 14 è basico. 
Pianta autoradicata (Auto-rooted plant) - Pianta ottenuta per moltiplicazione vegetativa e priva di portinnesto (termine prevalentemente adottato per le piante arboree). 
Pianta bimembre - Pianta costituita dal portinnesto e dalla marza o nesto. 
Pianta test (Witness tree) - Pianta che, infettata da un determinato patogeno, reagisce con sintomi specifici e in tempi relativamente brevi. Utile ai fini diagnostici. 
Piante (Plants) - Regno delle piante: autotrofe, eucariote. Contengono cellulosa nella parete cellulare e amido come carboidrato di riserva, e pigmenti come la clorofilla a e b. 
Picnidio (Pycnidium) - Corpo fruttifero agamico contenente i conidi ossia spore agamiche (picnidiospore o picnoconidi). 
Picnidiospora (Pycnidiospore) - Spora (conidio) prodotta in un picnidio. 
Placche cribrose (Sieve plates) - Zone di passaggio tra un tubo cribroso e l’altro, costituite da pori attraverso i quali si stabilisce una continuità plasmatica tra i diversi elementi del cribro. 
Plasmide (Plasmid) - Filamento circolare di DNA presente nel citoplasma batterico, distinto da quello cromosomico. 
Plasmodesmi (Plasmodesmata) - Filamenti protoplasmatici che mettono in comunicazione cellule adiacenti. 
Plasmolisi (Plasmolysis) - Contrazione di un protoplasto dovuta alla perdita di acqua dal vacuolo di una cellula vegetale. 
Pleomorfismo (Pleomorphism) - Si dice di organismo che può assumere svariati aspetti morfologici. 
Pleomorfo (Pleomorph) - Organismo privo di una forma stabile e definita. 
Pleura (Pleuron) - Con riferimento all’anatomia dell’insetto: porzione laterale dell’esoscheletro a livello dei segmenti toracici. 
Polifago (Polyphagous) - Si dice di organismo nocivo che si nutre attaccando svariati ospiti. 
Porocanale (Channel pore) - Foro nella parete cellulare attraversato da citoplasma che mette in comunicazione cellule contigue. 
Ponte cuscuta (Cuscuta bridge) - Modalità di trasmissione di patogeni che consiste nel collegare la pianta infetta con la pianta sana mediante filamenti della pianta parassita Cuscuta spp. 
Portamento (Tree structure) - Insieme del fusto e delle ramificazioni di una pianta. 
Posizionamento (di un prodotto fitosanitario) - Si intende l’individuazione del momento in cui effettuare il trattamento, solitamente rispetto alle fasi di sviluppo della coltura da difendere. 
Potatura (Pruning) - Operazione colturale consistente nel tagliare porzioni di rami e rametti con molteplici scopi: abbellimento, rinnovamento, produzione. 
Pressione radicale (Root pressure) - Pressione all’interno della radice, che favorisce la risalita della soluzione lungo il fusto. 
Procariote (Prokaryote) - Cellula in cui nucleo e organuli non sono delimitati da membrana. 
Procariotico (Prokaryotic) - È detto di organismi con cellule dotate di un nucleo primitivo, costituito da un solo cromosoma che non è separato da alcuna membrana dal citoplasma cellulare; non presentano mitocondri né cloroplasti, che sono sostituiti da una serie di invaginazioni della membrana plasmatica (mesosomi), né altri organelli membranosi citoplasmatici. 
Proliferazione e prolificazione (Proliferation) - Sviluppo di germogli dagli organi fiorali. 
Propaggine (Layering) - Tecnica di propagazione che consiste nel sotterrare un ramo della pianta senza tagliarla e nel separarla con un taglio quando avrà emesso le radici per ottenere una nuova pianta. 
Prossimale (Proximal) - Relativo al punto di attacco od origine di un organo o struttura (vd. anche distale). 
Proteina (Protein) - Composto organico contenente azoto, costituito da unità chiamate amminoacidi. 
Protezione (Protection) - Comprende le misure finalizzate a proteggere la pianta, fornendole una barriera, così da impedire al parassita di prendere contatto con la vittima o, comunque, di instaurare il rapporto patogenetico. 
Pruina (Epicuticular wax) - Sostanza cerosa che ricopre le foglie e i frutti di molte piante e ha l’aspetto di una patina biancastra, impalpabile. 
Pseudotecio (Pseudothecium) - Ascocarpo simile a un peritecio, con imenio diffuso e non localizzato, che contiene gli aschi in numerosi loculi privi di pareti divisorie. 
Pterostigma (Pterostigma) - Macchia localizzata tipicamente sul margine anteriore verso l’estremità delle ali.

Q

Quiescenza (Quiescence) - Condizione in cui un organismo rimane vitale, ma nello stato di massimo riposo.


Racemo (Raceme) - Infiorescenza formata da un asse principale allungato sul quale sono inseriti, a diversa altezza, numerosi fiori peduncolati. È sinonimo di “grappolo”. 
Radice (Root) - Organo generalmente sotterraneo che svolge diversi ruoli: ancoraggio al terreno, assorbimento, trasporto e selezione degli ioni minerali, riserva di sostanze organiche a funzione energetica. 
Raggi midollari (Medullary rays) - Cordoni di cellule parenchimatiche interposti fra i tessuti conduttori. 
Regni (Kingdoms) - Le cinque categorie in cui sono raggruppati gli organismi in base alle caratteristiche comuni: Monera, Protisti, Piante, Funghi, Animali. 
Resine (Resins) - Prodotti estremamente complessi elaborati da numerose specie vegetali, costituiti soprattutto da terpeni. 
Resistenza (Resistance) - Capacità della pianta di evitare od ostacolare il patogeno. I meccanismi di resistenza sono molteplici e a essi corrispondono altrettanti tipi di resistenza. 
Resistenza orizzontale (Horizontal resistance) - Resistenza di tipo quantitativo, aspecifica e multigenica; è influenzabile dall’ambiente. Resistenza verticale (Vertical resistance) - Resistenza specifica, monood oligogenica (cioè dipendente da pochi geni), non condizionata da fattori esterni, molto efficace ma superabile da nuove razze fisiologiche del patogeno geneticamente capaci di aggirare quella specifica difesa. 
Respirazione (Respiration) - È il processo attraverso il quale le cellule - mediante l’ossidazione (controllata da enzimi) di composti organici (preferenzialmente glucidi) - liberano energia in una forma che può essere utilizzata in vari processi cellulari. 
Respirazione cellulare (Cellular respiration) - Processo in cui avviene trasferimento di energia fra le molecole; produce ATP, consuma O2 e produce CO2. Avviene nei mitocondri degli eucarioti e nel citoplasma dei procarioti. 
Reticolo endoplasmatico (Endoplasmatic reticulum) - Sistema di membrane citoplasmatiche interconnesse, che trasporta materiali all’interno della cellula. 
Ribosoma (Ribosome) - Particella protoplasmatica subcellulare, costituita da una o molte molecole di RNA e diverse proteine, coinvolta nella sintesi proteica. 
Rilascio (Inoculum liberation) - Liberazione dell’inoculo, ovvero distacco dei propaguli dagli apparati di supporto e immissione nell’ambiente. 
Riproduzione asessuale (Asexual reproduction) - Qualsiasi tipo di riproduzione che non implica l’unione di gameti e la meiosi. Riproduzione asessuata (Asexual reproduction) - Metodo di riproduzione in cui vengono prodotte forme geneticamente uguali da un solo genitore. 
Riproduzione sessuale (Sexual reproduction) - Qualsiasi tipo di riproduzione che avviene tramite l’unione di gameti e il processo di meiosi. 
Ritidoma (Bark) - Insieme dei tessuti morti situati esternamente al sughero nella corteccia. 
Ritmi circadiani (Circadian rhythms) - Ritmi biologici che si svolgono nel corso di un ciclo di circa 24 ore. 
Rizosfera (Rhizosphere) - È la parte di pianta che sta nel terreno e circoscrive la zona, relativamente ristretta, di suolo che circonda la radice (interfaccia suolo-radici) e che si trova sotto l’influenza dell’apparato radicale. 
RNA messaggero (abbr. mRNA) (Messenger RNA) - Forma di RNA che porta l’informazione per dirigere la sintesi proteica. 
RNA o Acido ribonucleico (Ribonucleic acid) - È l’acido nucleico partecipante essenziale alla sintesi proteica. Analogamente al DNA, è costituito da sequenze di nucleotidi che derivano dal legame fra una base purinica, o pirimidinica, lo zucchero ribosio e un residuo dell’acido fosforico. 
RNA ribosomale (abbr. rRNA) (Ribosomal RNA) - Molecole di RNA formanti parte di una struttura ribosomale. 
Rosetta (Rosette) - Tipo di accrescimento caratterizzato da un diminuito sviluppo degli internodi, con conseguente addossamento delle foglie. 
Rotazione (Rotation) - Intervallo di tempo tra due fasi colturali.


Samara (Samara) - Frutto caratterizzato dal contorno, parziale o totale, di ali membranose. 
Saprofita (Saprophyte) - Organismo che cresce su sostanza organica non vivente. 
Saprofiti (Saprophytes) - Organismi che traggono nutrimento dalla decomposizione di piante o animali. Sono importanti nel ciclo della sostanza organica. 
Scissione (Binary fission) - Una delle modalità di moltiplicazione dei microrganismi; consiste nella divisione diretta della cellula. Sclerozio (Sclerotium) - Struttura di resistenza dei funghi (con funzioni di riserva, conservazione e diffusione della specie): è formato da un ammasso duro e compatto di ife resistenti e fortemente intrecciate. 
Scopazzi (Witches’ broom) - Affastellamento di rami dovuto principalmente alla schiusura anticipata di gemme, che di norma sono quiescenti, con conseguente abbondanza di ramificazioni primarie e secondarie; le nuove ramificazioni hanno un comportamento eretto dovuto a un accentuato geotropismo negativo e possono essere di natura patogena.
Scutello (Scutellum) - Parte posteriore dorsale del secondo dei tre, e più grande, segmenti toracici. 
Segale cornuta (Ergot) - Malattia fungina causata da Claviceps purpurea (anamorfo: Sphacelia segetum), che parassitizza svariate graminacee coltivate e spontanee, così indicata per la presenza di caratteristiche sclerosi sugli organi fiorali colpiti. 
Sintomo (Symptom) - Indicazione di malattia attraverso la reazione dell’ospite (es. cancro, lesione fogliare, avvizzimento) (vedi segno). Selezione clonale (Clonal selection) - Selezione nell’ambito della cultivar di cloni che hanno caratteristiche pomologiche, sanitarie e agronomiche ottimali. 
Selezione sanitaria (Sanitary selection) - Selezione attivata per ottenere materiale esente da infezioni croniche e generalizzate, con particolare riferimento ai virus e ai fitoplasmi. 
Semi (Seeds) - Strutture prodotte da alcune piante nelle quali lo sporofito della generazione successiva è circondato dal tessuto nutritivo del gametofito. 
Sessupara (Sexupara) - Con riferimento al ciclo biologico degli afidi: deriva dalle virginogenie; femmina, alata o attera, che genera individui anfigonici (vd.); può essere andropara se genera individui maschi, ginopara se genera individui femmine, anfipara se genera individui di entrambi i sessi. 
Sfera legnosa (Woody area) - Parte dell’albero tra le radici e la chioma. 
Sfuggenza (Avoidance) - Termine italianizzato dell’inglese avoidance: viene riferito alle misure di difesa (ad esempio sui fattori ambientali o agronomici), intese a sottrarre l’ospite all’attacco patologico. 
Siconio (Syconium) - Falso frutto, costituito dall’asse fiorale a forma di ricettacolo carnoso, tappezzato all’interno da piccoli fiori i cui frutti sono acheni; un esempio è il frutto del Fico. 
Siliqua (Siliqua) - Frutto allungato oltre tre volte rispetto alla propria larghezza, tipico delle Cruciferae
Simbiosi (Symbiosis) - Rapporto di tipo trofico tra due organismi che entrano in intimo contatto fisico; i due organismi si dicono simbionti (o bionti) e se entrambi traggono vantaggio la simbiosi è detta mutualistica. 
Sindrome (Syndrome) - Insieme dei sintomi che caratterizzano una data malattia. 
Sistema di nomenclatura binomiale (Binomial nomenclature) - Modello classificativo sviluppato da Linneo, in cui ogni specie di piante o di animali riceve un doppio nome: il primo è il genere, il secondo è l’aggettivo specifico. 
Sistematica (Systematic classification) - Classificazione degli organismi basata sulle informazioni derivate da osservazioni e prove sperimentali. Comprende la ricostruzione delle relazioni evolutive tra i viventi, che sono divisi in cinque Regni: Monera, Protisti, Piante, Funghi, Animali. 
Soglia economica (Economic threshold) - Densità del patogeno alla quale, o al di sopra della quale, il valore delle perdite colturali (in assenza di interventi gestionali) supererebbe il costo delle pratiche colturali. 
Soluzione circolante (Soil solution) - Soluzione molto diluita, costituita da acqua e sali minerali, che circola nel terreno. 
Soro (Sorus) - Agglomerato entro il quale si differenziano gli elementi riproduttivi di funghi patogeni del gruppo delle ruggini e dei carboni. 
Sorosio (Multiple fruit) - Infruttescenza che deriva da più fiori e costituita da singole pseudodrupe saldate tra loro a simulare un frutto unico; un esempio è il frutto del Gelso. 
Spadice (Spadix) - Infiorescenza delle aracee: asse semplice con fiori maschili e femminili sessili. 
Specie (Species) - Unità evolutiva costituita dal raggruppamento di organismi con le medesime caratteristiche genetiche, in grado di riprodursi nel tempo e nello spazio. 
Spiga (Ear) - Infiorescenza racemosa composta da alcuni o molti fiori privi di peduncolo, disposti lungo un asse comune. 
Sporangio (Sporangium) - Struttura in cui si formano le spore. 
Spore (Spores) - Cellule aploidi che possono sopravvivere in condizioni sfavorevoli e germinare in un nuovo individuo aploide. Sporodochio (Sporodochium) - Insieme di conidiofori inseriti su cuscini di ife. 
Sporofito (Sporophyte) - Fase diploide (2n cromosomi) del ciclo biologico di una pianta che si origina dall’ovocellula fecondata e termina con la formazione di sporangi e spore (n cromosomi). Esso costituisce la fase preponderante del ciclo vitale delle piante superiori che si alterna con uno stadio aploide (n cromosomi) detto gametofito. 
Sternite (Sternite) - Con riferimento all’anatomia dell’insetto: porzione ventrale dell’esoscheletro a livello dei segmenti toracici (detta anche sterno). 
Stomi (Stomata) - Aperture sull’epidermide delle foglie, che possono essere aperte o chiuse, a controllare gli scambi gassosi e la perdita d’acqua. 
Strobilo (Strobilus) - Formazione (tipica delle conifere in particolare) costituita da un asse sul quale sono inserite le brattee che portano le sacche polliniche o le squame con gli ovuli. Gli strobili femminili, dopo la fecondazione, sono detti coni o pigne. 
Stroma (Stroma) - Massa compatta di micelio che sostiene il corpo fruttifero o in cui esso è immerso. 
Suberificazione (Suberization) - Modificazione della parete cellulare per apposizione di suberina (macromolecola contenente residui di acidi grassi, che le conferiscono una particolare idrofobicità). 
Suffrutice (Suffrutex) - Pianta che ha fusto legnoso nella parte bassa ed erbaceo nella parte superiore. 
Suolo (Soil) - Parte più superficiale della litosfera. Deriva dall’alterazione geologica della roccia madre in substrato pedogenetico poi continuamente modificato. È formato da minerali, aria, acqua e sostanza organica ed è di sostegno alle piante. 
Suscettibilità (Susceptibility) - Attitudine di un ospite a essere sede di malattia.


Talea (Cutting, scion) - Parte di ramo, fusto o radice, capace di produrre, una volta messa a dimora nel terreno, una nuova pianta. 
Tallo (Thallus) - È il corpo complessivo di un fungo. 
Talloconidio (Thalloconidium) - Conidio che si differenzia da porzioni di tallo o micelio fungino e che almeno inizialmente rimane fisso; è detto anche tallospora. 
Tassonomia (Taxonomy) - Metodo sistematico di classificazione di piante e animali basato sui gradi di somiglianza nella scala evolutiva. 
Teleomorfo (= stato perfetto) (Teleomorph) - La forma sessuale nel ciclo di vita di un fungo (vedi anamorfo). 
Teleutoconidio - Elemento proprio dei teleutosori; di forma e dimensioni diverse, tanto da rappresentare un carattere tassonomico; in taluni casi, rappresenta la fase di svernamento. 
Teleutosori (teleutospore) (Telia) - Organi riproduttivi asessuati delle ruggini, di colore bruno, che erompono dalla pagina inferiore della foglia e diffondono le teleutospore. 
Teleutosoro (Telium) - Agglomerato che porta le teleutospore. 
Teleutospora (Teliospore) - Particolare spora di resistenza (il suffisso -teleuto è parola greca che significa “termine, terminale”: si tratta infatti di spore che si formano al termine del ciclo biologico del fungo e ne permettono la perpetuazione; vengono anche chiamate teliospore, parola sempre di origine greca con lo stesso significato di spora “finale, ultima”). 
Tellurico (Telluric) - È equivalente a terrestre (o terricolo); attualmente è invalso l’uso di riferirlo in particolare ai patogeni fungini che vivono nel terreno. 
Teoria gene per gene (Gene-for-gene hypothesis) - La teoria secondo cui geni corrispondenti per la resistenza e la virulenza esistono rispettivamente nell’ospite e nel patogeno. 
Terapia (Therapy) - È la cura delle infezioni già in atto: si intraprendono azioni contro il parassita, ma solo dopo che questo ha iniziato il processo patogenetico. 
Tergite (Tergite) - Con riferimento all’anatomia dell’insetto: porzione dorsale dell’esoscheletro a livello dei segmenti toracici, è detta anche tergo o noto. 
Termoterapia (Thermotherapy) - Tecnica di risanamento delle piante per mezzo del calore. 
Tessuti cicatriziali (Scar tissues) - Tessuti meristematici secondari avventizi derivanti dal processo di riparazione di una ferita, con lo scopo di creare una protezione e isolare i tessuti adiacenti non lesionati. 
Tessuto (Tissue) - Gruppi di cellule simili organizzate per portare avanti una o più funzioni particolari. 
Tessuto meristematico (Meristem) - Tessuto embrionale con cellule che possono dividersi rapidamente da cui hanno origine nuovi tessuti. 
Tille (Tyloses) - Estroflessioni sferoidali entro il lume delle trachee e delle tracheidi delle cellule parenchimatiche adiacenti. 
Tolleranza (Tolerance) - Interpretazione selettiva della gravità della malattia in un individuo infettabile, che può sostanziarsi nell’assenza di sintomi o nella comparsa di sintomi lievi con conseguenze limitate, o nulle, sulla vigoria della pianta e sulla produzione. 
Tossina (Toxin) - Veleno prodotto da alcuni organismi viventi (es. funghi). 
Tracheomicosi (Tracheomycosis) - Alterazione da patogeno fungino del sistema di conduzione xilematico delle piante. 
Transfer RNA (abbr. tRNA) - RNA che trasporta al ribosoma gli amminoacidi, che vengono posizionati nell’ordine descritto dall’RNA messaggero. 
Traslocazione (Translocation) - Movimento di fluidi attraverso il floema da una parte all’altra della pianta. 
Trasmissione (a mezzo di vettori animali) (Transmission) - Operazione complessa che comprende le fasi di acquisizione, latenza e inoculazione. 
Trasmissione di tipo persistente (Persistent transmission) - Modalità di trasmissione (di virus o fitoplasmi) nella quale il vettore, dopo una sola acquisizione, può rimanere infetto per tempi lunghi e anche per tutta la vita. 
Trasmissione non persistente (Non-persistent transmission
Trasmissione per innesto (Graft transmission) - Trasmissione di un patogeno da una pianta ospite a un’altra attraverso la fusione di tessuti viventi dell’ospite infetto con tessuti viventi dell’ospite sano. 
Traspirazione (Transpiration) - Perdita di acqua dalle foglie. Crea un gradiente osmotico che induce la pressione che fa salire l’acqua dalle radici. 
Trasporto attivo (Active transport) - Trasporto delle sostanze all’interno delle cellule (da regioni a bassa a regioni ad alta concentrazione), con dispendio di energia sotto forma di ATP. 
Trasporto passivo (Passive transport) - Diffusione attraverso la membrana citoplasmatica senza consumo di energia. 
Trofico (Trophic) - Relativo alla nutrizione. 
Tubero (Tuber) - Fusto sotterraneo rigonfio o contenente materiali nutritizi. 
Tubi cribrosi (Sieve tubes) - Serie di cellule floematiche sovrapposte che costituiscono lunghi tubi attraverso i quali viene trasportata la linfa elaborata. 
Tubo germinativo (Germinative tube) - Ifa che deriva dall’estroflessione della parete cellulare di una spora e del citoplasma dopo la germinazione. 
Tumore (Tumor, gall) - Massa cospicua di tessuto neoplastico a crescita indefinita, priva di organizzazione interna e di consistenza per lo più analoga a quella su cui è inserita.


Univoltina (Univoltine) - Si dice di specie di insetto che compie una sola generazione all’anno. 
Uredosori (Uredinium) - Organi riproduttivi asessuati delle ruggini, di colore aranciato, che erompono dalla pagina inferiore della foglia e diffondono le uredospore. 
Uredosoro (Uredinium) - Agglomerato che porta le uredospore. 
Uredospora (Urediniospore) - Spora caratteristica delle ruggini: il suffisso -uredo deriva da un vocabolo latino che significa “bruciatura”. 
Urite (Urite) - Con riferimento all’anatomia dell’insetto: segmento dell’addome.


Vacuolo (Vacuole) - Organello sferico subcellulare contenente materiale dissolto (es. precursori metabolici, materiali di riserva, prodotti di scarto, ecc.). 
Varietà (Variety) - Differenziazione di una specie, avvenuta in natura. 
Vettore (Vector) - Organismo (artropode, pianta, uomo) capace di trasmettere l’agente patogeno. 
Virescenza (Virescence) - Inverdimento dei petali. Rappresenta un sintomo tipico, ma non esclusivo, delle fitoplasmosi. 
Virginogenia (vedi Esuli). 
Virginopara (Virginopara) - Con riferimento al ciclo biologico degli afidi: femmina madre di femmine partenogenetiche (sono virginopare le fondatrigenie vd.; le virginopare possono essere sessupare vd.). 
Virulento (Virulent) - Altamente patogeno, che ha la capacità di causare severe malattie (vedi avirulento). 
Virulenza (Virulence) - Capacità di provocare malattia. 
Virus (Virus) - Entità submicroscopiche (al di sotto dei limiti del potere risolutivo degli apparati ottici a luce visibile), il cui materiale genetico è costituito da acido nucleico (DNA o RNA), capaci di moltiplicarsi solamente all’interno di cellule viventi mediante l’uso del macchinario sintetico di queste.


Xilema (Xylem) - Tessuto vegetale che trasporta acqua e nutrienti dalle radici alle foglie. È formato da vari tipi di cellule (tracheidi e trachee).  


Zigote (Zygote) - Cellula diploide che deriva dalla fecondazione di un gamete femminile con un gamete maschile. 
Zoocoria (Zoochory) - Disseminazione operata da animali. 
Zoospora (Zoospore) - Spora fungina mobile pro-dotta asessualmente che possiede ciglia o flagelli ed è quindi in grado di spostarsi attivamente nell’acqua. 
Zoosporangio (Zoosporangium) - Sporangio, che porta le zoospore.

DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE
DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE