6   Cipresso: avversità

    Cancro della corteccia  Seiridium canker

• Agente causale
Seiridium cardinale

• Classificazione
div. Ascomycota fam. Amphisphaeriaceae

Descrizione I sintomi consistono in arrossamenti e imbrunimenti del fogliame di alcuni rametti, generalmente diffusi sull’intera pianta con disseccamento anche di branche [ 57 ]. Sui rami si osservano lesioni cancerose depresse, allungate longitudinalmente o irregolari, accompagnate da emissione di resina.

Piante ospiti e distribuzione Il patogeno attacca piante del genere Cupressus. Originario dell’America del Nord, in Italia ha rischiato di provocare un disastro ambientale [ 58 ].

Biologia ed epidemiologia Seiridium cardinale è un fungo che si riproduce asessualmente tramite conidi prodotti all’interno di acervuli [ 59 ]. Le nuove infezioni sono realizzate da tali propaguli disseminati dalla pioggia con il concorso del vento, da insetti del legno (Coleotteri Scolitidi, soprattutto Phloeosinus aubei, e anche P. thujae) e forse anche da uccelli. L’ingresso del patogeno avviene generalmente attraverso ferite sui rami, ma è conosciuta anche una penetrazione diretta nei tessuti dell’ospite e tramite le lenticelle. Piogge ed elevata umidità dell’aria favoriscono la sopravvivenza e la germinazione dei conidi.

►Diagnostica La conferma della presenza del patogeno si ottiene con esami di laboratorio.

►Danni S. cardinale è un patogeno agente di cancri corticali e rappresenta una seria minaccia per i cipressi. In Toscana la malattia aveva raggiunto, nell’anno 1994, un’incidenza media del 25% arrivando in certe zone anche oltre il 50%.

• Difesa Il controllo della malattia è assai difficoltoso. La strategia più promettente è la selezione di varietà di cipressi resistenti. In qualche situazione contingente (es. vivaio) può essere attuata una prevenzione/cura con fungicidi in primavera e in autunno (rameici) accompagnata dall’asportazione di rami e parti infette. In passato sono state anche sperimentate applicazioni di preparati microbiologici (Trichoderma viride, un fungo antagonista). Le piante ammalate e compromesse vanno eradicate.

DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE
DIFESA E GESTIONE DELLE PIANTE