1 Introduzione generale alla difesa in campo

Parte 1a 1 10 Difesa: Colture erbacee, di pieno campo e orticole Introduzione generale alla difesa in campo Le linee guida di difesa dalle avversità devono necessariamente tenere conto degli aspetti relativi alle colture a cui vengono applicate, quali le modalità di coltivazione, l abito morfologico delle piante, le tecniche fitoiatriche praticabili e le valutazioni di ordine economico. Le piante considerate in questa Parte 1a, sono in buona parte accomunabili per alcuni aspetti botanici e agronomici rilevanti e anche sotto il profilo della gestione fitoiatrica: infatti l estensione colturale, la generale annualità dei cicli delle piante coltivate, la densità e la resa (in termini economici) per unità di superficie messa a coltura rendono sicuramente preferibile e vantaggiosa la programmazione di alcune strategie di intervento sull ospite (pianta) che possono essere attuate, tramite il miglioramento genetico o addirittura le biotecnologie, per migliorare la resistenza verso i patogeni. Inoltre alcune semplici misure profilattiche, molto efficaci contro certi patogeni, come la concia delle sementi o il ricorso all applicazione di consolidati criteri agronomici (es. scelta oculata nella successione colturale, evitare la pratica della semina su sodo, bruciatura o interramento dei residui colturali infetti), laddove possibile, sono procedure operative basilari e applicabili indipendentemente dalle verifiche fitopatologiche sulla coltura in atto. I trattamenti in pieno campo con mezzi chimici o biotecnologici sono realizzabili generalmente solo per le specie a taglia bassa oppure per le prime fasi di crescita di quelle più alte e fittamente coltivate; in un secondo tempo la distribuzione di antiparassitari richiede macchine speciali, che tuttavia difficilmente sono in dotazione alle singole aziende, le quali all occorrenza devono rivolgersi a contoterzisti, con l inevitabile incertezza sulla tempistica e di conseguenza sull efficacia dell intervento fitoiatrico (l uso del mezzo aereo in Italia richiede speciali autorizzazioni). Attualmente, tuttavia, un concreto aiuto alle linee di difesa, che prevedono l impiego di prodotti fitosanitari in pieno campo, è offerto dalla modellistica agrometeorologica, che consente un moderno approccio strategico di tipo integrato. Per quanto concerne le valutazioni di ordine economico circa gli interventi fitosanitari, vi sono elementi di nuovo interesse che possono essere più o meno transitori, come l oscillazione dei prezzi dei cereali, o di stabile tendenza, come la maggiore possibilità di vendita di prodotti sani (assenza di micotossine) e di qualità, in particolare quelli destinati alla trasformazione in farine; si tratta di circostanze che nel complesso inducono a mettere in atto pratiche di difesa dalle malattie, sia fogliari che sulla spiga, anche in aree dove non si usava effettuare trattamenti contro determinate malattie a eziologia fungina. Esemplificazione di strategia di difesa: il modello previsionale per la fusariosi del frumento Tra le fitopatie del frumento, la fusariosi della spiga è attualmente oggetto di speciale attenzione sia per i danni che può arrecare alla produzione sia per la presenza di micotossine nelle cariossidi. La malattia ha come agenti causali diversi patogeni, quali Fusarium culmorum, Fusarium graminearum, Fusarium avenaceum, Fusarium poae, Microdochium nivale [ 1 ], e alcuni di essi rilasciano tossine che si possono poi trovare nelle farine destinate all alimentazione umana o impiegate nei mangimi. Il genere Fusarium è un raggruppamento generico di Funghi imperfetti, comprendente numerose specie e, al loro interno, varietà e forme specializzate con caratteri instabili il cui aspetto morfologico non è in relazione con l effettiva patogenicità; per alcune specie è conosciuto il teleomorfo (es. la forma teleomorfica di F. graminearum è Gibberella zeae). La moltiplicazione asessuale avviene per mezzo di conidi di due tipi: microconidi di piccole dimensioni, uni- o bicellulari, e macroconidi plurisettati, di aspetto a volte falciforme e con una base a calcagno ; spesso compaiono anche clamidospore, forme di perpetuazione con carattere di resistenza [ 2 ]. LIBRO DIGITALE Produzioni integrate, biologiche e difesa delle colture 1 Spiga di grano con sintomi di fusariosi (patina color rosa-arancio). 02_Parte 1.indd 10 04/03/22 13:08

DIFESA DELLE COLTURE AGRARIE
DIFESA DELLE COLTURE AGRARIE